Domenech e Sagnol attaccano Materazzi!

E che novità! Soprattutto per quanto riguarda il ct della nazionale francese, pare ovvio come la sconfitta ancora rode e che quindi dichiarazioni al vetriolo contro il difensore dell’Inter siano un po’ come necessarie per far sì che quella notte di Berlino bruci un po’ meno. Il buon Domenech ha parlato di “far piazza pulita

E che novità! Soprattutto per quanto riguarda il ct della nazionale francese, pare ovvio come la sconfitta ancora rode e che quindi dichiarazioni al vetriolo contro il difensore dell’Inter siano un po’ come necessarie per far sì che quella notte di Berlino bruci un po’ meno. Il buon Domenech ha parlato di “far piazza pulita dei provocatori” additanto Matrix come il numero 1 degli stessi.
Di certo però fa più specie, poco più di 24 ore dopo, sentire anche altre dichiarazioni contro Materazzi, le ennesime ma comunque roboanti. E’ Willy Sagnol a parlare, francese anch’egli, steso da una gomitata appena accennata di Grosso, col dente avvelenato non contro il terzino, ma ancora e sempre contro lo stopper. Per un’entrata su Lucio che ha fatto guadagnare al campione del mondo italiano “solo” un giallo, il giocatore del Bayern ha avuto parole grosse e animose che di certo sono nate dall’episodio in particolare e alla fine hanno trovato ragion d’essere nella solita finale berlinese: “Credo sia scandaloso che Materazzi continui ad andare in campo. Bisognerebbe ridiscutere tutta la sua carriera“.

Il diretto interessato non s’è comunque scomposto, essendo abituato ad attacchi del genere. E interrogato sulla questione ha risposto ironico: “Sagnol chi? Domenech? Mi dispiace, ma da campione del mondo non ho molto tempo da perdere dietro a un uomo di calcio che fa la formazione in base all’oroscopo del giorno…“. E così ha minimizzato dichiarazioni che ad altri avrebbero potuto dar fastidio.

Di certo però ci si aspettava che il capocannoniere della nazionale campione del mondo ricevesse più consensi che fischi ma pare che Materazzi, nonostante un mondiale in primo piano, non sia riuscito nell’operazione simpatia che qualche mese fa pareva difficile. Perché all’estero molti, forse troppi, hanno da dire su di lui e anche in Italia…

I Video di Calcioblog