Milan, arriva Urby Emanuelson: scopriamo il talento olandese

Zitto zitto, lemme lemme, alla fine Adriano Galliani ha piazzato il suo bel colpo: sbandierato ai quattro venti l’interessamento sia per Domenico Criscito che per Reto Ziegler, il dirigente del Milan in realtà lavorava sotto traccia per portare a Milanello Urby Emanuelson. In scadenza di contratto, il laterale dell’Ajax era in odore di non rinnovo


Zitto zitto, lemme lemme, alla fine Adriano Galliani ha piazzato il suo bel colpo: sbandierato ai quattro venti l’interessamento sia per Domenico Criscito che per Reto Ziegler, il dirigente del Milan in realtà lavorava sotto traccia per portare a Milanello Urby Emanuelson. In scadenza di contratto, il laterale dell’Ajax era in odore di non rinnovo del suo contratto, ma un suo addio alla causa dei lancieri fin da gennaio in pochi potevano pronosticarlo. Il giocatore oggi figura tra i convocati di Frank De Boer contro l’Utrecht, ma fonti ufficiose parlano di una sua presenza nel centro sportivo del Milan fin da domani, dove si sottoporrà al consueto check-up di MilanLab. In settimana poi la firma, con i rossoneri che per via della necessità di chiudere subito dovranno sganciare verosimilmente un gruzzoletto anziché assicurarselo gratis (nel caso fosse arrivato a giugno).

Così ha parlato, nella giornata di ieri, proprio Galliani ai microfoni di Milan Channel: “Il giocatore è sicuramente nostro dal primo di luglio e credo nostro da oggi. Siamo vicinissimi alla firma, non è ancora fatta, ma tutto farebbe pensare che entro sera si concluderà a titolo definitivo a partire da oggi, 22 gennaio, e non dal primo luglio“. Parole chiare, che lasciano pochissimo spazio alle interpretazioni. Sfinito dal tour brasiliano di qualche settimana fa, l’operazione è stata condotta da Ariedo Braida che ha passato il weekend ad Amsterdam insieme all’immancabile Mino Raiola, intermediario durante la trattativa per la profonda conoscenza del Milan, dell’Ajax e della lingua olandese. Bene, i fatti sono questi e dunque non pare ci saranno intoppi: Emanuelson è davvero vicinissimo a vestire il rossonero sin da gennaio. Ma è un giocatore da Milan? Chi è costui?

Partiamo dall’età, 24 anni. Perfetti, intesi come maturità calcistica. La nazionalità: olandese. Il binomio Milan-tulipani è rinomato e nel corso della ormai decennale gestione Berlusconi il fascino oranje non è mai passato di moda. Sarà il sesto giocatore a passare direttamente dall’Ajax al club di Via Turati, prima di lui toccò a Van Basten, Kluivert, Raiziger, Davids e Bogarde. A parte il primo, che i milanesi prelevarono dopo una stagione roboante con tanto di Scarpa d’Oro vinta, i predecessori di Emanuelson non hanno lasciato un buon segno dalle parti di San Siro. Ma torniamo al neo acquisto milanista: è un mancino, buona corsa, ottimo tiro, risulta essere un cursore molto duttile che può giocare in ogni settore della corsia sinistra. Iniziò infatti la carriera (fin qui tutta spesa coi biancorossi) da terzino, pur mostrando qualche lacuna nella fase difensiva.

Con Van Basten alzò il raggio d’azione spostandosi a centrocampo, avendo anche fatto l’esterno di un tridente d’attacco. Non è un goleador (22 gol coi lancieri in più di 250 apparizioni), ma assicura quantità e una discreta dose di qualità tecnica e disciplina tattica. Campione d’Europa Under 21 con l’Olanda nel 2006, vanta 11 presenze con la Nazionale maggiore pur non essendo stato convocato per gli scorsi Mondiali in Sudafrica. Emanuelson non è un fuoriclasse e anche nelle partite giocate l’anno passato in Europa League contro la Juve e quest’anno in Champions col Milan non ha spiccato in modo particolare. Ma ha buona esperienza (ha vinto anche 3 Coppe d’Olanda e 3 Supercoppe olandesi) anche se forse era più in auge un biennio fa. Ricapitolando: una scommessa, neanche tanto rischiosa, un buon giocatore che potrebbe anche esplodere. Se lo augura Galliani. Se lo augurano i tifosi del Diavolo.

Ultime notizie su Calciomercato Milan

Tutto su Calciomercato Milan →