Coppa d’Asia 2011: emozioni a raffica, ora sotto con le semifinali

Godibilissimo spettacolo alle latitudini qatariote, nel piccolo Paese della penisola arabica la Coppa d’Asia è entrata nel vivo più che mai e negli scorsi due giorni si sono disputate quattro belle partite, i quarti di finale per stabilire le quattro semifinaliste. Primo match quello tra i padroni di casa e il Giappone di Zaccheroni, la


Godibilissimo spettacolo alle latitudini qatariote, nel piccolo Paese della penisola arabica la Coppa d’Asia è entrata nel vivo più che mai e negli scorsi due giorni si sono disputate quattro belle partite, i quarti di finale per stabilire le quattro semifinaliste. Primo match quello tra i padroni di casa e il Giappone di Zaccheroni, la squadra che fino ad ora può dirsi abbia mostrato il più bel calcio; dopo la battaglia contro il Qatar il nostro Zac era raggiante, sia per il passaggio del turno che per le modalità in cui questo è stato ottenuto. Sotto di un gol, in rete l’uruguaiano Soria, era stato Kagawa, gioiellino del Borussia Dortmund di 21 anni e di sicuro avvenire, a pareggiare i conti. Al minuto 63 la possibile svolta: il Giappone rimane in dieci, l’ex napoletano Montezine segna il 2-1 sulla susseguente punizione e per i samurai sembra notte fonda.

Ma ci pensa ancora Kagawa a mandare il match sui binari della parità, prima che Inoha a tu per tu col portiere avversario spedisca in rete la palla della vittoria, proprio a ridosso del 90esimo. Si scatena il tecnico romagnolo dei giapponesi che in conferenza stampa ha detto di aver riscoperto l’amore nell’insegnare calcio. Meno thriller ma comunque rilevante la vittoria dell’Uzbekistan, nazione che calcisticamente sta crescendo a ritmi vertiginosi grazie anche agli ingenti investimenti (tutti ricordiamo gli approdi nel campionato uzbeko di Rivaldo e Scolari). Doppietta di Bakaev, piegata la Giordania che ritorna così sulla terra dopo aver sperato anche nella rimonta dopo il gol del 2-1 di Bani Yaseen. E passiamo alle partite disputatesi ieri, due incontri vibranti che si sono trascinati fino ai tempi supplementari.

Andiamo in ordine cronologico, raccontando la partita del pomeriggio tra Australia e i campioni uscenti dell’Iraq; reti bianche per gli interi 90 minuti, all’extra-time spicca la stella mai tramontata di Harry Kewell. Il fantasista che dopo una vita spesa in Inghilterra (Leeds, Liverpool), sta svernando al Galatasary insieme al connazionale (e capitano dei canguri) Lucas Neill, è stato bravissimo a battere di prima intenzione a rete e a insaccare al 118° alle spalle di Kadhim. Emozioni simili tre ore più tardi, quando la Corea del Sud, dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari, è riuscita ad avere la meglio dell’Iran solo al 105°: Yoon Bit Ga è l’eroe di giornata, giovanissimo attaccante subentrato a partita in corsa. Ha esultato così nel migliore dei modi la star del Manchester United Park, ieri alla 100esima presenza con la maglia dei sudcoreani.

Di seguito il programma delle due semifinali:

Semifinali

Doha – Al Gharafa Stadium
25 gennaio 2011, ore 16:25 UTC+3
Giappone – Corea del Sud

Doha – Khalifa International Stadium
25 gennaio 2011, ore 19:25 UTC+3
Uzbekistan – Australia

I Video di Calcioblog

Milano Città Azzurra per Italia-Svezia

Ultime notizie su Coppa d'Asia

Tutto su Coppa d'Asia →