Mourinho ha nostalgia della Premier e il Real pensa a Benitez

Sembra farsi sempre più probabile un addio di José Mourinho al Real Madrid al termine di questa stagione. Il tecnico portoghese, già nei giorni scorsi entrato in rotta di collisione con il direttore generale delle Merengues, Jorge Valdano, al punto che quest’ultimo aveva deciso di non viaggiare come di consueto sul pullman della squadra in


Sembra farsi sempre più probabile un addio di José Mourinho al Real Madrid al termine di questa stagione. Il tecnico portoghese, già nei giorni scorsi entrato in rotta di collisione con il direttore generale delle Merengues, Jorge Valdano, al punto che quest’ultimo aveva deciso di non viaggiare come di consueto sul pullman della squadra in partenza per la trasferta di Coppa del Re a Siviglia, ha infatti rilasciato alla stampa inglese delle dichiarazioni che non mancheranno di suscitare furibonde polemiche.

Queste le parole dell’allenatore di Setubal, riportate oggi dall’edizione online del tabloid The Sun: “Ho deciso di tornare in Inghilterra. Non ho ancora deciso il mio futuro, voglio solo essere felice. Non ho preferenze tra Manchester United, Manchester City o Chelsea. Voglio solo riscoprire la gioia di allenare. Non sto dicendo che la Premier League è il campionato più spettacolare del mondo, ma certamente è il migliore per organizzazione, per fair play e per l’enorme rispetto che esiste tra avversari.”

Intanto in casa Real si comincia a parlare del possibile sostituto dell’ex interista, che secondo le voci potrebbe essere proprio un altro allenatore passato recentemente sulla panchina dei nerazzurri, quel Rafa Benitez da poco silurato dai vertici della società di via Durini per fare spazio a Leonardo. Benitez, come riferito dal quotidiano sportivo iberico Sport, avrebbe già avuto dei contatti con il presidente Florentino Perez, molto preoccupato per i pessimi rapporto tra Mourinho e Valdano e sarebbe molto apprezzato dalla tifoseria per il fatto essere un madrileno purosangue e per il suo temperamento assai differente da quello del portoghese.