L' auto di Coco e la zebra di VDM

Gli ex giocatori dell’ Inter si sa sono dei personaggi particolari. Passi per Christian Vieri che parla sdegnato di Moratti sottolineando come abbia regalato alla società nerazzurra ben sei anni della sua vita per scoprire poi di essere stato pedinato. Come se si fosse comportato come una perfetta mogliettina.
Negli ultimi giorni abbiamo letto notizie curiose su Andy Van der Meyde, l’ olandese pallido come Bergkamp e trasferitosi come lui in Inghilterra con molta meno fortuna, e Francesco Coco, il re delle notti milanesi. So già che alcuni obietteranno che l’ ex terzino del Livorno è ancora nella rosa nerazzurra, ma siamo seri, credete che sia considerato o che si senta tale?
Partiamo proprio da lui. Nelle sue straordinarie performance notturne per le quali è diventato famoso l’ ultima è proprio divertente. Decide di dare un passaggio ad un compagno di merende, anzi compagno di scorribande, verso i prestigiosi e frequentati campi di gioco di Corso Como, che non hanno nomi di santi, ma ben più alla moda: Hollywood, Luminal, Gànas.
Con la classica scusa di aver dimenticato qualcosa, “l’ amico” si fa consegnare le chiavi della macchina sportiva di Coco e scappa a folle velocità per le vie di Milano. Il giocatore, tra una velina e l’altra, si accorge che qualcosa non torna e scopre che dell’ amico e dell’ auto non c’è più traccia. Fortuna sua vuole che si circondi di gente non molto furba perché il ladro riesce nell’ impresa di schiantarsi contro un palo, finendo all’ ospedale.
Totalmente diversa la vicenda di Van Der Meyde, anche se anche lui quest’ estate è finito al pronto soccorso dopo aver bevuto un drink di troppo corretto probabilmente da cocaina, messa a suo dire senza che lo sapesse. La moglie olandese ama l’ Italia e gli animali e non lo ha seguito nella sua avventura inglese.
Così, in occasione del suo compleanno, ha pensato di fargli un bel regalo: un cagnolino? Un gatto? Un canarino? Un cavallo? No, il buon Andy, capace nell’ Inter di mettere insieme una partita buona ogni venti, gli regala una zebra.
Al di là dell’ originalità e della stravaganza in sé, che ci sia dietro la Juventus anche in questo caso?

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: