Video - Sfogo di Antonio Conte in conferenza stampa

Duro sfogo di Antonio Conte in conferenza stampa alla vigilia di Modena - Siena di oggi pomeriggio. Secondo l'allenatore bianconero sulla sua squadra ci sarebbero dei "gufi" che aleggiano pronti a criticare alla prima difficoltà, insoddisfatti nonostante il terzo posto in classifica. Conte ha aggiunto di non sentire apprezzato il proprio lavoro, come quello del Direttore Generale Perinetti con cui ha condiviso anche la gioia della promozione in Serie A con il Bari due stagioni fa.

Lo Stesso Perinetti dopo la conferenza stampa si schierato al fianco dell'allenatore: “E’ uno sfogo comprensibile di fronte a ingiustizie palesi. Anche io che sono più riflessivo non mi spiego certi atteggiamenti, come la sottovalutazione, al di là dei nostri sbagli, di quello che è successo con il Piacenza: prima rete in fuorigioco, seconda causata da un calcio d’angolo inesistente, il duro intervento che ha costretto Caputo a uscire non sanzionato con un’ammonizione. La squadra non può essere rimproverata di mancanza di impegno. E Conte è il nostro grande valore aggiunto, con un altro allenatore avremmo fatto certamente peggio. Fin dall’inizio ho detto che la serie A sarebbe stata una conquista difficile, non senza sofferenza. E che sarebbe stato un gravissimo errore pensare di essere già promossi a gennaio, ma evidentemente qualcuno non ha recepito il messaggio”.

Uno sfogo che per modi e contenuti è a metà tra quello storico di Giovanni Trapattoni da allenatore del Bayern Monaco, e quelli tipici di José Mourinho che all'Inter, e prima ancora al Chelsea ed ora al Real Madrid, ha sempre cercato di spostare le critiche e le tensioni su se stesso in modo da proteggere il suo gruppo.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: