Troppi gol alla squadra del figlio: genitore aggredisce un bambino


Sarebbe interessante conoscere i processi mentali che pullulano nella testa di alcuni genitori, quando su un campo di calcio giocano i loro figli. Due anni fa fu una pistola a comparire sulle tribune di un campetto di periferia, durante una partita valida per il campionato di allievi regionali. Ed è solo uno dei tanti tristi episodi che accadono nelle categorie minori e in quelle giovanili. Solo pochi di questi avvenimenti vengono ripresi dalla stampa.

Uno di essi è il caso raccontato dal Corriere della Sera di un padre di Priverno (LT) che il 19 febbraio, durante la partita tra due squadre della categoria pulcini, aggredisce un bambino di 8 anni reo di aver segnato troppi gol alla squadra del figlio. La gara termina 8-1 e il padre, sentitosi forse umiliato nel suo riprovevole "onore di famiglia", ha iniziato a rincorrere il ragazzino di 8 anni intorno al campo minacciandolo pesantemente.

Non contento ha tentato di aggredire padre e madre del piccolo calciatore, reo di aver surclassato la squadra del figlioletto. Il padre è stato denunciato dei carabinieri del paese per reati di percosse e maltrattamenti verso fanciulli. I militari dell'Arma hanno dovuto ascoltare diverse testimonianze e, compiuta una serie di verifiche, sono riusciti ad identificare l'autore del gesto. Robe...di questo mondo.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: