Sesta di B: Genoa e Napoli vanno!


La serie cadetta ha giocato di domenica per la contemporanea sosta della Serie A a causa della nazionale nonostante comunque le qualificazioni agli Europei 2008 (più annesse Under 21) hanno costretto la Lega ha rinviare Juve-Brescia, Frosinone-Lecce e Cesena-Triestina. Aggiungendo il posticipo di domani che è Bari-Bologna si desume facilmente che oggi pomeriggio si sono giocate "solo" sette partite in cui i maggiori riflettori erano puntati su Genoa-Arezzo e su Napoli-Rimini.
I liguri, ora balzati in testa alla graduatoria, contro la squadra di Antonio Conte hanno sofferto all'inizio ma hanno poi trovato via libera verso la vittoria quando Greco ha portato in vantaggio i padroni di casa dopo una bella combinazione con Marco Rossi. Da lì poi il raddoppio su rigore di Adailton per una netta strattonata ai danni proprio del brasiliano e il 3-0 finale grazie a Raffaele Longo sullo scadere.

Il Napoli invece ha mostrato un gioco bruttino rischiando in più di una occasione di capitolare contro il buon Rimini di Acori: Reja dà come l'impressione di capirci poco e solo nella ripresa dà spazio al suo jolly prezioso, ossia De Zerbi. Proprio il gioiellino cresciuto nel Milan a 10 minuti dalla fine ha siglato il gol vittoria tirando da 25 metri e battendo il portiere romagnolo a dir la verità non impeccabile. A fine gara il presidente De Laurentis ha dichiarato tutto il disappunto per la pochezza del gioco dei campani.
Tra le squadre di alta classifica anche il Mantova non stecca la partita casalinga e batte un buon Vicenza che nonostante il cambio di panchina (ora Gregucci, la settimana scorsa esonerato Camolese) e un gioco discreto non riesce a vincere il match. Anzi, dopo un primo tempo coriaceo, i veneti hanno subito l'uno-due dei virgiliani che con Tarana e Bernacci hanno archiviato la pratica portando la squadra di Di Carlo seconda in classifica a quota 11 punti.

Il Modena dopo un avvio a singhiozzo pare aver trovato la via giusta e si sbarazza del Pescara disputando un ottima partita. A dir la verità però il vantaggio firmato Tamburini è giunto dopo una papera colossale di Spadavecchia che ha perso la palla ormai in grembo e ha consentito all'ex vicentino di siglare un gol a porta vuota; il 2-0 di Pinardi ha sigillato il risultato consentendo ai canarini di fare un bel passo in avanti in classifica.
Infine 3 pareggi, di cui due a reti bianche: si tratta degli 0-0 di Albinoleffe-Spezia (punto prezioso soprattutto per i liguri con i bergamaschi ancora incapaci di ben figurare in casa) e di Verona-Crotone (due squadre con evidenti problemi in fase realizzativa). Da menzionare, in ultimo, l'1-1 tra Treviso e Piacenza, risultato frutto dell'autorete di Cottafava e del pareggio di Beghetto su rigore, massima punizione concessa per un impercettibile fallo di Nef sullo stesso Beghetto.

  • shares
  • Mail