Prandelli vuole l’Under 21 in Serie B

Cesare Prandelli è preoccupato. Il nostro calcio produce sempre meno talenti, spesso non valorizzati dalle squadra di Serie A e messi ai margini anche nella nostra cadetta dove prosperano mestieranti con maggiore esperienza e malizia, e il CT ha in mente un’idea per provare ad invertire la tendenza. La proposta è quella di far partecipare

di


Cesare Prandelli è preoccupato. Il nostro calcio produce sempre meno talenti, spesso non valorizzati dalle squadra di Serie A e messi ai margini anche nella nostra cadetta dove prosperano mestieranti con maggiore esperienza e malizia, e il CT ha in mente un’idea per provare ad invertire la tendenza.

La proposta è quella di far partecipare l’Under 21 al campionato di Serie B. La Federazione si metterebbe in campo con qualcosa di simile a quello che fanno i grandi club all’estero in paesi come la Spagna o la Germania con le squadre “riserve” che militano nelle serie inferiori divenendo il primo terreno di prova fra i professionisti per i giovani che escono dalla primavera. Il fenomeno del Barca Pedro Rodriguez, ora punto fermo della squadra di Guardiola ha giocato tre stagioni nel Barcellona B prima del grande salto.

Ad una prima analisi la proposta è un po’ bizzarra e di difficile realizzazione. Da chi sarebbero pagati questi giovani calciatori? Come la prenderebbero i club della Serie B? Come farebbe “mercato” una squadra del genere? Non potendo accedere alla Serie A (oppure sì?) andrebbe ad alterare le competizione fra le altre squadre?

Molto concreta e sensata appare invece un’altra proposta, quella del presidente del Club Italia, Demetrio Albertini. Il dirigente federale spinge da tempo per abbassare l’età massima dei calciatori che militano nella Primavera. Dai 21 ai 20 anni per agevolare il passaggio al professionismo dei talenti che in Italia arrivano “già vecchi” per gli standard europei ad essere tesserati per la prima squadra.

Qualsiasi decisione va comunque presa in fretta, il nostro calcio ha perso già troppi treni e la concorrenza corre veloce.

I Video di Calcioblog