Samuel Eto’o litiga con un giornalista e minaccia di farlo licenziare

Sabato scorso, mentre in Europa si svolgevano le sfide di qualificazione ai prossimi Europei, in Africa ci si contendeva l’accesso alla prossima Coppa d’Africa. Una delle sfide di cartello era sicuramente quella in programma Dakar, che vedeva opposti i padroni di casa del Senegal al quotato Camerun di Samuel Eto’o. Il verdetto finale ha dato

Sabato scorso, mentre in Europa si svolgevano le sfide di qualificazione ai prossimi Europei, in Africa ci si contendeva l’accesso alla prossima Coppa d’Africa. Una delle sfide di cartello era sicuramente quella in programma Dakar, che vedeva opposti i padroni di casa del Senegal al quotato Camerun di Samuel Eto’o. Il verdetto finale ha dato ragione ai padroni di casa che hanno così centrato la terza vittoria in altrettante gare, il Leoni Indomabili camerunesi sono invece soltanto terzi nel girone a quattro, con appena quattro punti.

La sconfitta ha suscitato non poche polemiche nel paese africano, la stampa si è scagliata abbastanza duramente contro i giocatori accusati di non aver giocato con sufficiente impegno. Samuel Eto’o, da buon capitano, ha affrontato i giornalisti in conferenza stampa, rispondendo a tutte le domande fino a quando uno di loro non gli ha posto un interrogativo che gli ha fatto perdere la pazienza. Il cronista della Equinoxe Television ha chiesto al giocatore, se a suo giudizio, per molti esponenti della nazionale camerunese, Eto’o incluso, non si potrebbe parlare di fine di un ciclo.

L’attaccante dell’Inter nel sentire queste parole è letteralmente scoppiato, attaccando il giornalista con inaudita durezza e arrivando perfino a minacciare di farlo licenziare: “Penso sia lei che si debba ritirare. Quando giochiamo come stasera dovete solo dire grazie perché era da tempo che il Camerun non giocava così. Mi chiedo se lei è camerunese e se ha visto la stessa partita che abbiamo visto noi, perché secondo me non siete camerunese. E parlerò con il patron di Equinoxe, perché lei non si merita di lavorare per questa meravigliosa catena”.

Il giocatore ha poi rincarato la dose, accusando il giornalista di fare il male dell’Africa, di non volere il bene del continente, e ribadendo la minaccia di licenziamento: “Ho 30 anni, ho vinto tutto nella mia carriera tranne la Coppa del mondo, e penso di rappresentare validamente l’Africa e il Camerun mentre gente come voi non merita di esistere. Noi lottiamo per l’Africa, mentre voi non volete che l’Africa avanzi e che il Camerun avanzi. Siete sempre negativi ed è tempo di cambiare. E le dico davvero, davvero, che parlerò con il suo capo perché lei non merita di lavorare per Equinoxe”.

Parole durissime che sorprendono soprattutto perché proferite da Eto’o, persona solitamente mite, capace di sorridere anche nei momenti più difficili. La sua reazione è comunque da censurare, non è un gesto da campione quello di minacciare un giornalista che ha la sola colpa di aver posto una domanda scomoda. A sua discolpa c’è certamente l’amarezza provocata dal passo falso contro il Senegal, conosciamo l’attaccamento dell’interista alla sua nazionale e siamo sicuri che il primo ad essere deluso è proprio lui.

I Video di Calcioblog