Toh! Chi si vede: l'Inter!

Julio Cruz esulta Pronti via e l'Inter si ricorda di essere l'Inter e decide che é ora di iniziare il suo cammino europeo.

Sette giri della lancetta dei secondi e i nerazzuri sono già avanti 2-0!

Nome del marcatore? Julio Ricardo "El Jardinero" Cruz. Un grande attaccante, forse troppo spesso sottovalutato. Sempre pronto, puntuale, reattivo: parla poco ma fa molti fatti.

E Adriano? Metteteci una "Cruz" sopra...

Eh sì, perché con uno Julio così e con l'imminente rientro di "Valdanito" Crespo, difficilmente troverà posto il gigante buono. Forse é meglio che cominci a preparare le valigie... per il carnevale di Rio, intendo.

Partita in pugno si diceva. Intendiamoci; non che ci si spelli le mani nell'applaudire il gioco interista ma l'importante era lasciare quota zero in classifica.

Missione compiuta, ma non senza qualche brivido di troppo.

Dal momento in cui i tifosi nerazzuri si preoccupano se le cose si mettono bene, la squadra di Mancini pensa bene di riaprire la partita concedendo un goal agli avversari e arrivando al novantesimo con il cuore dei tifosi con il battito accelerato.

In realtà se l'arbitro non avesse annullato un goal probabilmente regolare di Stankovic, l'Inter non avrebbe sofferto. Ma non mi venite a parlare di complotti, per favore!

La ciliegina sulla torta arriva comunque al fischio finale, perché il Bayern Monaco, espugnando Lisbona e involandosi al comando del gruppo B di Champions League, inchioda lo Sporting a quota 4 punti, solo uno in più della squadra lombarda.

Che sia l'inizio di una cavalcata trionfale verso il Grande Slam?

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: