Inter – Palermo 3-1: le dichiarazioni di Moratti, Leonardo, Zamparini e Delio Rossi

Le dichiarazioni dopo la vittoria dell’Inter sul Palermo nella finale di Coppa Italia: la gioia di Moratti, Leonardo, Zanetti e Materazzi, delusione e rabbia per Delio Rossi e Zamparini


Bellissima finale quella giocata ieri sera tra Inter e Palermo: nella bellissima cornice dell’Olimpico di Roma, alla fine i nerazzurri hanno conquistato la loro settima Coppa Italia, assicurandosi anche un succulento derby in quel di Pechino il prossimo 6 agosto per la Supercoppa Italiana. Furioso e poco diplomatico il numero uno dei rosanero Maurizio Zamparini, soddisfatti invece i protagonisti dell’ennesimo successo interista; partiamo dal presidente Massimo Moratti:

“Mini-triplete un cavolo. Una delle tre vittorie di quest’anno è il campionato del mondo, lo voglio ricordare: io firmo tutti gli anni, per un triplete così… Il Palermo ha giocato bene, è stata una finale stupenda, faccio i complimenti alla squadra rosanero. Non era facile superarli, hanno mostrato una difesa molto forte”.

Primo titolo da allenatore per Leonardo, anch’egli visibilmente felice:

“E’ un’enorme soddisfazione al termine di un’annata diversa, con tanti cambiamenti. Sono successe tante cose. Chiudere l’ultima partita con Materazzi e Zanetti che alzano i due trofei è davvero una cosa bella. Palermitani e interisti sono stati straordinari, hanno riempito l’Olimpico. Vincere è la cosa più bella. Cosa serve a questa squadra per il futuro? La stessa voglia di vincere. E questo gruppo ce l’ha sempre. Portiamo a casa un grande risultato. Con i tre titoli abbiamo mostrato una continuità che poche altre squadre hanno”.

E nell’euforia generale Samuel Eto’o e Diego Milito hanno giurato fedeltà all’Inter, mentre Javier Zanetti alla 1003esima partita da professionista ha alzato al cielo ancora un coppa: “L’Inter è la mia famiglia, sono troppo innamorato dell’Inter. Queste gioie non si dimenticano. Ho giocato tantissime partite con questa maglia, voglio farlo ancora per dimostrare di essere utile. Questa vittoria è la dimostrazione che non siamo stanchi di vincere, questo è il nostro terzo trofeo stagionale“. Singolare, infine, il ragionamento di Marco Materazzi: “Abbiamo vinto nello stadio dove ha vinto il Milan, almeno l’abbiamo ripulito con un po’ del nostro orgoglio“.

Le Foto di Inter – Palermo 3-1
Le Foto di Inter - Palermo 3-1
Le Foto di Inter - Palermo 3-1
Le Foto di Inter - Palermo 3-1
Le Foto di Inter - Palermo 3-1
Le Foto di Inter - Palermo 3-1


Tristezza ma anche orgoglio tra le fila del Palermo: molte le lacrime a fine partita, tanto impegno e un ottimo calcio non sono bastati al cospetto di un’Inter cinica ed esperta. Probabilmente è stata l’ultima partita da allenatore dei siciliani per Delio Rossi, uno che le lacrime le trattiene sempre a stento:

“Volevo regalare qualcosa più grande di noi ai nostri tifosi. Ce la siamo giocata. Non è bastata la grande prova, un buon gioco, ha vinto la squadra più esperta. Avevamo problemi all’inizio che poi si sono evidenziati. Abbiamo visto che potevamo giocarcela. La mia espulsione? Per tutta la partita mi hanno detto che si sarebbe recuperato il tempo perso, poi non è stato così. Questa gente, i tifosi del Palermo, meritano questo e altro, ci ha sempre sostenuto, ha capito che la squadra è giovane ed inesperta ma che gioca a calcio e fa cose bene e cose male. Il mio futuro? Indipendetemente da questa finale devo parlare con la società, valuteremo tutto insieme. Oggi parliamo della finale, martedì o in settimana incontrerò Zamparini e parleremo del mio futuro”.

Dicevamo in apertura di Zamparini. L’imprenditore friulano a fine gara, rivedendo gli episodi chiave del match, ha inveito contro gli avversari:

“L’Inter è la Banda Bassotti, sanno solo rubare. Moratti? Si definisce da solo, se non si vergogna lui…”

Il Palermo rimprovera ad Emidio Morganti, ieri sera alla sua ultima partita, di aver espulso un po’ ingenerosamente Delio Rossi prima e Ezequiel Munoz poi all’89° minuto di gara, oltre che di aver concesso poco recupero (5 minuti) e di non aver accordato un penalty per fallo di Lucio su Mauricio Pinilla. Di certo la topica più grande è stato concedere il corner ai siciliani da cui è scaturito il gol: prima di crossare, il pallone calciato da Federico Balzaretti era palesemente oltre la linea bianca di fondo.

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Coppa Italia

Tutto su Coppa Italia →