Per la Juve l'ennesima trasferta


La truppa di Deschamps va di scena al Nereo Rocco di Trieste in quella che è la terza trasferta consecutiva, la quinta su sette gare disputate.

L'allenatore ha le idee chiare su come schierare i suoi uomini. Niente turn over massiccio ma solo due o tre avvicendamenti, per fortuna il calendario di serie B, sebbene lungo, non impone quei ritmi frenetici a cui squadre come la Juventus sono abituate. Così i giocatori possono riposare a sufficienza tra una gara e l'altra e l'allenatore si ritrova ad avere quasi tutti gli uomini a disposizione ogni volta.

In porta ovviamente ci sarà Buffon che, per voce del suo procuratore, ha smentito l'ipotesi di partire a Gennaio, se l'interesse del Chelsea ci sarà ancora a fine stagione se ne potrà discutere. A confermare questa dichiarazione ci sono anche le parole del tecnico bianconero che ha ribadito che nessuno andrà via nella prossima sessione di mercato, a meno che non si tratti di giocatori che hanno trovato poco spazio fino a quel punto della stagione.

La solita difesa a quattro dovrebbe veder rientrare Chiellini, forse al posto di Birindelli, meno probabile che il sostituito sia Balzaretti. La coppia di centrali sarà come sempre formata da Boumsong e Kovac.

A centrocampo potrebbe ritrovare un posto da titolare Giannichedda che farà coppia con uno tra Zanetti e Paro, più plausibile l'esclusione del secondo che, dopo l'inizio fulminante di campionato, sta iniziando a soffrire un po' e merita forse un po' di riposo.

A completare il reparto ci dovrebbero essere i soliti Camoranesi e Nedved, ma in queste ultime ore il condizionale è diventato obbligatorio. Si perchè Deschamps, che non ha dubbi sulla coppia Del Piero-Trezeguet, potrebbe optare per un tridente completato da Bojinov che sta scalpitando in panchina per giocare. In tal caso ci sarebbe la panchina per il biondo ceco.

Come abbiamo detto il tecnico juventino può contare sulla quasi totalità della sua rosa, gli unici ancora non disponibili sono Tudor e Zebina.

E la Triestina? Deschamps nella sua conferenza stampa ha speso parole d'elogio per la formazione giuliana, per il suo inizio di campionato, esaltandone soprattutto la tenuta difensiva (solo 3 le reti subite). Però ha anche avvisato che la sua squadra questa volta non commetterà l'errore di scendere in campo distratta com'era successo a Treviso.

Due parole, infine, le ha dedicate al capitano Del Piero, facendo riferimento alla sua ultima prova. Secondo Didier il problema non sta tanto nel duecentesimo gol che non arriva quanto in quella tribuna patita in maglia azzurra, ma si è dichiarato comunque contento del suo rendimento definendolo sempre decisivo fino a questo momento.

L'appuntamento è per le ore 16. Riuscirà la Juventus a continuare la sua striscia, in quest'ultima partita in trasferta, prima del ritorno all'olimpico di Torino?

  • shares
  • Mail