Calciomercato, allenatore Inter: vicino Mihajlovic tra smentite e conferme

Sinisa Mihajlovic è il candidato numero uno a sostituire Leonardo sulla panchina dell’Inter; la Fiorentina pare si sia cautelata puntando su Delio Rossi


Impazza il toto-allenatore in quel di Milano, sponda nerazzurra: dopo l’addio, inatteso quanto immediato, di Leonardo (ormai a un passo dalla scrivania del Paris Saint Germain), Massimo Moratti è sceso in campo in prima persona per trovare un sostituto, il terzo tecnico del dopo Mourinho. Nomi, nomi, nomi, nel calderone delle ipotesi sono finiti praticamente tutti: persino gli “inglesiAncelotti (che dicono avrebbe rifiutato, evenienza smentita dal petroliere) e Capello (il quale a Sky ha riferito di non saperne nulla perché a Marbella, dove è in vacanza, si sta dedicando esclusivamente ai nipotini che tra l’altro monopolizzano la tv). E poi Gasperini, Delio Rossi, Villas Boas, Van Gaal, Guardiola, persino Dunga. Ne manca qualcuno?

Certo che sì! E’ Sinisa Mihajlovic, che fino a pochi giorni fa se ne stavo bel bello a pensare alla sua seconda stagione sulla panchina della Fiorentina. Poi stamani il titolone in prima pagina del Corriere dello Sport: “Inter, preso Mihajlovic!“. Caratteri cubitali, come a dire: è fatta, non ci sono dubbi. Il quotidiano romano, che più di una volta è arrivato prima degli altri, non lesina dettagli: la società nerazzurra entro 48 ore (domenica 19 giugno?) lo annuncerà, in viola andrà Delio Rossi e nell’operazione che dovrebbe portare il serbo alla Pinetina potrebbe rientrare Goran Pandev, che dunque si sposterà qualche chilometro a sud, sulle rive dell’Arno (ma questa è una indiscrezione di tuttomercatoweb). Quanto c’è di vero sulla notizia sensazionalistica del Corsport?

Difficile dirlo, fatto sta che Moratti non ha aspettato molto tempo per le smentite di rito: “Mihajlovic? Fa parte di un’altra squadra, per il momento non mi muovo con quelli sotto contratto“. Fino a che ci rimangono, sotto contratto. Perché Sinisa e Andrea Della Valle non si sono mai davvero amati e l’annata appena finita non verrà certo ricordata a Firenze come quella più memorabile degli ultimi tempi, come risultati ma anche come gioco. L’ipotesi Delio Rossi, poi, affascina la proprietà viola; e lo stesso trainer romagnolo non ha lesinato parole al miele verso i toscani:

“Queste sono situazioni che m’inorgogliscono perché vuol dire che ciò che ho seminato raccoglie gradimenti anche al di fuori delle piazze dove ho lavorato. Contatti? Assolutamente no. Né con la società viola, né con altre. Reputo Corvino uno dei migliori direttori sportivi d’Italia. Con lui a Lecce abbiamo creato un sodalizio che ha portato sia ottimi risultati che un bel gioco. Firenze è una piazza competente e calda: due cose che mi piacciono molto. Se avessi voluto una realtà più tranquilla e stimolante avrei già trovato una sistemazione”.

Si attendono (succulenti) sviluppi.

Ultime notizie su Calciomercato Inter

Tutto su Calciomercato Inter →