De Laurentiis pressa De Magistris: “Subito i lavori al San Paolo”

Aurelio De Laurentiis sprona De Magistris: il Comune di Napoli deve occuparsi subito dei lavori del San Paolo, per non rischiare di giocare la Champions League in campo neutro.


Il Napoli ha appena archiviato una stagione esaltante che l’ha visto concludere al terzo posto in classifica, conquistando così un posto in Champions League. Ora però è già tempo di pensare alla prossima che vedrà gli azzurri coinvolti in nuove e più emozionanti sfide. Uno dei temi principali in questi giorni estivi è sicuramente il mercato: tiene banco il futuro di Hamsik e i dubbi di Inler. Aurelio De Laurentiis sembra però non preoccuparsi troppo di acquisti e cessioni, come da lui dichiarato c’è tempo fino al 31 agosto e quindi non c’è motivo di avere fretta. Molto più importante è la questione stadio: il San Paolo ha bisogno di lavori di adeguamento per poter ospitare la Champions, pena l’esilio dei campani lontano da Fuorigrotta.

Nel capoluogo campano si è appena insediato il nuovo sindaco De Magistris ed è a lui che si rivolge il presidente dei partenopei affinché la città non si faccia trovare impreparata alle grandi sfide d’autunno:

“Stiamo cercando di colloquiare col Comune, sapevamo che il passaggio da una amministrazione all’altra avrebbe creato dei rallentamenti. I miei uffici, però, hanno fatto presente che ci sono delle urgenze per le norme Uefa. Senza certi lavori non si potranno disputare le prime gare di Champions al San Paolo. I tempi sono molto stretti. Bisogna cominciare domani mattina e chiudere i cantieri per la fine di luglio. In Italia c’è la pessima abitudine di scappare tutti al mare, dal 7 agosto in poi. E tra l’altro abbiamo in programma anche delle amichevoli di prestigio a Fuorigrotta, con squadre di livello internazionale. L’impianto dovrà essere assolutamente pronto, senza ritardi”.

De Lurentiis augura al nuovo sindaco di svolgere un buon lavoro, invitandolo però a non sottovalutare il problema del San Paolo:

“Auguri a de Magistris, sono convinto che sarà un grande sindaco e si è scelto dei collaboratori di valore. Per adesso dormo tra due guanciali, però sto in allerta e sono pronto a intervenire su tutti i fronti, a cominciare da quello del San Paolo. L’Uefa, dopo il sopralluogo della scorsa settimana, chiede interventi precisi, dal parcheggio alla tribuna ospiti e alla sala stampa”.


Nei prossimi giorni ci sarà un incontro tra la società e l’assessore allo sport del Comune di Napoli, per cercare di trovare un’intesa e accelerare i tempi, da discutere anche la distribuzione dei costi di adeguamento:

“L’assessore allo sport deve avere come priorità assoluta il Calcio Napoli e dare un’accelerata a quelli che sono gli obblighi richiesti per la Champions. Bisogna animarsi di buona volontà. Non siamo dei rompiscatole, vogliamo solo lavorare insieme con i nuovi amministratori. Per i costi c’è una convenzione molto chiara sullo stadio: decideranno gli esperti a chi spetta pagare i lavori”.

La nuova giunta comunale, sotto la guida di De Magistris, è quindi chiamata ad un test molto importante. Sicuramente nella città campana ci sono problemi da risolvere con maggiore urgenza, ma anche la questione del San Paolo non è da sottovalutare. Vedere il Napoli giocare lontano dal proprio stadio, magari contro una big d’Europa, sarebbe un vero e proprio smacco. De Laurentiis a proposito di eventuali gare in campo neutro ha parlato di “danno enorme per tifosi e città”, soprattutto se l’avversario di turno dovesse essere, per esempio, un club del calibro del Barcellona di Lionel Messi.