Campionato argentino: River Plate, sconfitto dal Belgrano, a un passo dalla prima retrocessione della sua storia

Il River Plate è ad un passo dal più grande dramma sportivo della sua storia, i Millonarios hanno perso per 2-0 la gara d'andata contro il Belgrano, squadra di Primera B Nacional, e ora rischiano seriamente di retrocedere per la prima volta nella loro centenaria storia. A Cordoba la squadra di Buenos Aires è scesa in campo con determinazione, provando ad attaccare a testa bassa fin dal primo minuto. I padroni di casa, ovviamente meno forti sulla carta, hanno così impostato la gara pensando prima di tutto a non prenderle, per poi sfruttare la micidiale arma del contropiede.

L'equilibrio dell'incontro viene spostato da un episodio, un fallo di mano di Adalberto Roman causa l'assegnazione di un calcio di rigore in favore del Belgrano: Mansanelli dal dischetto non sbaglia ed è 1-0. Con il River demoralizzato, la squadra di Cordoba trova addirittura il raddoppio in apertura di ripresa, lo sigla Pereyra di testa. Il secondo gol subito dal River manda su tutte le furie i tifosi, alcuni tra i più esagitati riescono a entrare in campo e provano a scagliarsi contro i loro beniamini, in particolare contro il difensore paraguayano che ha causato il rigore.

La partita viene sospesa per circa 20 minuti durante i quali si prova a riportare la calma in campo e sugli spalti. Alla ripresa il River prova senza fortuna a raddrizzare una situazione che appare fortemente compromessa ma il fortino del Belgrano regge agli assalti e la partita finisce 2-0. Ora Lamela, il fantasista inseguito da Napoli e Roma, e compagni dovranno dare il massimo nella gara di ritorno del Monumental: serve una vittoria con due gol di scarto per evitare la prima clamorosa retrocessione della storia.

  • shares
  • Mail