Rosella Sensi dà il suo addio alla Roma

Dopo quasi diciotto anni di gestione, la famiglia Sensi dice definitivamente addio alla Roma. Al termine del consiglio di amministrazione tenutosi questa mattina nella sede della società Italpetroli, Rosella Sensi ha infatti rassegnato le sue dimissioni da presidente del club giallorosso. Visibilmente commossa, la Sensi ha parlato ai microfoni della stampa del suo futuro e


Dopo quasi diciotto anni di gestione, la famiglia Sensi dice definitivamente addio alla Roma. Al termine del consiglio di amministrazione tenutosi questa mattina nella sede della società Italpetroli, Rosella Sensi ha infatti rassegnato le sue dimissioni da presidente del club giallorosso. Visibilmente commossa, la Sensi ha parlato ai microfoni della stampa del suo futuro e dell’eventuale progetto di costruire uno stadio intitolato al padre Franco, presidente sotto il quale i capitolini hanno conquistato il terzo scudetto della loro storia:

“Da oggi farò la mamma. Uno stadio intitolato a mio padre? Sarebbe una bella cosa. Noi abbiamo preparato un progetto innovativo. Mi auguro che questo lavoro non vada perso. Chi compra una casa nuova è giusto che scelga quello che vuole. Uno stadio intitolato a mio padre sarebbe un sogno.”

Oltre a Rosella Sensi si sono dimessi anche Silvia Sensi, Maria Nanni Sensi e Angela Nanni Fioravanti. Al loro posto entrano Claudio Fenucci, Bernardo Mingrone e Mauro Baldissoni che assumeranno l’incarico dal prossimo primo luglio, mentre il 4 luglio il cda della Roma si riunirà nuovamente per attribuire le deleghe. Questa la nota rilasciata al termine della seduta:

“Il consiglio di amministrazione ha formulato i propri ringraziamenti alla dottoressa Sensi ed agli altri consiglieri dimissionari per l’attività svolta nel corso dei molti anni di presenza alla guida della società, durante i quali la A.S. Roma è rimasta costantemente ai vertici del calcio nazionale, con una significativa presenza internazionale.”

Queste invece le parole dell’avvocato Roberto Cappelli, uomo UniCredit:

“Abbiamo obblighi Consob e non posso anticipare nulla, uscirà un comunicato ma è andato tutto benissimo. La famiglia Sensi? Vogliamo ringraziarla moltissimo, oggi per loro è un giorno più difficile e malinconico, ma siamo veramente grati per tutto quello che hanno fatto nel corso di questi anni. La trattativa? Sta procedendo tutto regolarmente anche se i tempi non sono mai veloci quanto si vorrebbe. Il closing sarà tra il 4 e il 14 luglio.”