Juve, mini-gruppo già a Vinovo con Conte: “Voglia di ricominciare”

L’allenatore della Juve Antonio Conte, già a Vinovo con Quagliarella, De Ceglie e Martinez, parla della stagione alle porte e dei nuovi arrivati in bianconero.


Ventinove giugno, la Juve senza coppe già riparte: oggi a Vinovo è cominciata ufficialmente la stagione bianconera, seppur a ranghi che dire ridotti è forse già tanto. Già, perché nel ritiro di Bardonecchia che comincerà tra otto giorni la società vuole che anche i reduci da infortuni importanti siano in uno stato di forma accettabile, così Quagliarella, De Ceglie e Martinez hanno accorciato le vacanze di una settimana. Ovvio ci fosse pure Antonio Conte, carico più che mai:

“C’è grande voglia di ricominciare, non solo da parte mia, e questo è importante. Ci vuole entusiasmo, dobbiamo ritrovare lo spirito da Juve. Dopo le telefonate a tutti i ragazzi sono molto rasserenato. Ho trovato tutti disponibili e arrabbiati per l’esito dell’ultimo campionato. Questa è una buona base, ma ora dalle parole dobbiamo passare ai fatti”.

Sul mercato bianconero, fino ad ora caratterizzato dall’arrivo di tre parametro zero e Lichsteiner il trainer salentino ha una sua personalissima opinione; soprattutto su chi già è stato ufficializzato:

“Questi giocatori sono stati presi in accordo con la dirigenza. Per Pirlo c’è poco da presentare, ha qualità tecniche importanti, ha voglia di rivalsa dopo una stagione con tanti infortuni. Sa cosa vuole dire vincere e soprattutto sa come si fa. Pazienza mi ha impressionato nel Napoli per come copriva il centrocampo insieme Gargano. È umile, determinato, ci mette ferocia e determinazione, darà un ottimo apporto. Anche Ziegler arriva da un’annata non felice. Ha un buon piede e una buona corsa. Ci sarà da lavorare con tutti dal punto di vista tattico, dovremo suonare uno spartito che sarà uguale per tutti”.


Chiosa finale sui tifosi della Vecchia Signora e sulla voglia di non deluderli:

“Mi fa piacere l’affetto dei tifosi, mi auguro che questo entusiasmo sia continuo e duri per tutta la stagione. Bisogna tornare a essere la Juve, quindi competitivi e lottare fino alla fine. Per vincere a volte basta anche solo una virgola. Io voglio che il popolo juventino sia orgoglioso per questa squadra. Sono contento anche degli attestati di stima che ho ricevuto. Ora devo dare ragione a queste persone, i fatti dovranno parlare per me, come ho sempre fatto nella mia carriera”