De Laurentiis: "Lavezzi lo voglio napoletano, deve allenarsi seriamente"


De Laurentiis non è contento di Lavezzi, o quantomeno sembra avere ancora molte cose da chiarire. I rapporti fra la società e il giocatore non sono compromessi, ma il presidente continua ad esibirsi in uscite pubbliche che finiscono per essere punzecchiature al Pocho, presente stasera al San Paolo per guardare da non convocato (è appena rientrato dalle vacanze) l'amichevole contro il Penarol:

Dobbiamo cercare di inglobare Lavezzi, fargli capire che se vuole restare nel Napoli non deve più comportarsi da argentino ma da napoletano, assumendosi le proprie responsabilità. Deve allenarsi bene, non chiederci di andare via, come ha fatto due settimane prima della scorsa pausa natalizia, e deve evitare di farsi espellere in certe circostanze. Comunque questo discorso lo farò a tutti. Al procuratore ho detto che voglio il calciatore per un giorno in barca con me in modo da fargli il lavaggio del cervello. Non si devono più commettere certi sbagli.

Mettere in piazza (a distanza di quasi un anno) un atteggiamento censurabile del giocatore che avrebbe chiesto di andare via durante il campionato (perché indisponibile) sembra l'ennesima provocazione. Le alternative sono due: o De Laurentiis vuole pungolare il giocatore o magari sta pensando di cedere a qualche richiesta per la sua cessione e sta preparando la piazza che adora Lavezzi ad un distacco meno traumatico mettendolo in cattiva luce. Il 31 agosto (o a gennaio) vedremo qual'era la ragione di tanto accanimento.

  • shares
  • Mail