Udinese, Pozzo dopo i sorteggi di Champions: “Va bene l’Arsenal, ci affascina”

Giampaolo Pozzo, patron dell’Udinese, commenta il sorteggio di Champions: i friulani sono capitati contro l’Arsenal ma Pozzo non si fascia la testa


Il sorteggio non proprio benevolo (per usare un eufemismo) capitato all’Udinese, subito scontro shock contro l’Arsenal, non deprime l’ambiente friulano; è un Giampaolo Pozzo tranquillo quello che rilascia le prime dichiarazioni a caldo a Sky Sport. Anzi, il patron dell’Udinese, pare quasi contento dell’accoppiata:

“È un’avventura affascinante, è come andare a New York per la prima volta. L’Arsenal è un club storico, ci fa piacere affrontare quest’avventura. A questi livelli tutte le sfide sono difficili. Ma più è affascinante l’avversario e più i giocatori ce la metteranno tutta. Nell’urna c’erano tutte squadre di livello, ogni abbinamento sarebbe stato difficile. Nell’ultimo preliminare che abbiamo disputato ci siamo qualificati eliminando lo Sporting Lisbona, ma fu comunque un turno molto complicato. In queste circostanze serve anche fortuna, bisogna affrontare quest’esperienza con filosofia. Si tratta comunque di un momento storico per il nostro club. Non ho ancora parlato con l’allenatore e con la squadra, ma sono convinto che la pensino come me. E poi giocare in casa il ritorno è un vantaggio, potrebbe darci una spinta psicologica”.

A chi gli fa notare che, in ogni modo, sarebbe stato preferibile incontrare un avversario più morbido, Pozzo ha le idee chiare:

“Avrei preferito trovare il Benfica, ovvio, ma prendiamo il sorteggio con filosofia. È che c’è la possibilità di uscire contro una grande, ma l’Arsenal è il giusto coronamento di una splendida stagione. E poi, se eliminiamo l’Arsenal sarà un evento storico. Ci sarà anche un premio speciale per i giocatori”.

Insomma, il deus ex machina dei bianconeri del Friuli la mette sul piano del prestigio e della psicologia. Riuscirà nell’impresa la terribile banda di Guidolin?

Ultime notizie su Champions League

Tutto su Champions League →