Tevez: “Dopo l’eliminazione in Coppa America sono caduto in depressione”

Carlitos Tevez ha raccontato il suo sconforto per l’eliminazione con l’Argentina dalla Coppa America


Un’estate “d’inferno” per Carlitos Tevez che prima è stato eliminato con l’Argentina nei quarti della Coppa America giocata in casa, e poi non è riuscito ad andare via dal Manchester City che non ha voluto abbassare la pretesa di 45 milioni di euro per acquistare il suo cartellino. Quello che pesa più di tutto è l’eliminazione in Coppa America contro l’Uruguay perché proprio un suo errore dal dischetto ha condannato l’Argentina.

“Quando ho sbagliato quel rigore mi è crollato il mondo addosso. Dopo l’eliminazione sono caduto in depressione e ho finito col mettere su sei chili. Non sono lo stronzo che dicono io sia. Sapevamo che se non avessimo vinto ci avrebbero ammazzato. Sono arrivati a dire che ho sbagliato apposta per far cacciare Batista. Non si può arrivare a certi livelli di insulti, io non presto attenzione a tutto quello che viene detto ma ho una famiglia che sente dire che sono un pezzo di merda e ne soffre molto”.

Dopo aver raccontato i suoi tormenti, ha speso anche qualche parola per difendere Lionel Messi anche lui al centro delle polemiche in Argentina dopo l’eliminazione. I tifosi della nazionale albiceleste sono da sempre molto critici con la pulce che a loro modo di vedere non potrà mai essere paragonato a Maradona proprio per la differenza di rendimento con l’Argentina rispetto a quello con il Barcellona. Per Tevez le continue critiche sono incomprensibili:

“Se l’Argentina gioca male dicono che è colpa sua, se gioca peggio è colpa di chi è al fianco di Messi, insomma è sempre tutta colpa sua. Ma stiamo parlando del miglior giocatore del mondo”.