Buon anniversario, Sir Alex!

Robe dell’altro mondo! Fino ad ora ne avevamo sentito parlare solo come (rarissimi) exploit di alcuni calciatori, leggi Franco Baresi, Paolo Maldini, lo “Zio” Bergomi, ma mai di un allenatore! Ebbene, ieri, 6 novembre 2006, é stata una giornata speciale in casa di una delle più blasonate società calcistiche d’Europa, il Manchester United. Infatti, l’allenatore-manager,

di

Robe dell’altro mondo! Fino ad ora ne avevamo sentito parlare solo come (rarissimi) exploit di alcuni calciatori, leggi Franco Baresi, Paolo Maldini, lo “Zio” Bergomi, ma mai di un allenatore!

Ebbene, ieri, 6 novembre 2006, é stata una giornata speciale in casa di una delle più blasonate società calcistiche d’Europa, il Manchester United.
Infatti, l’allenatore-manager, Sir Alex Ferguson, ha festeggiato i suoi primi 20 anni alla guida dei Diavoli Rossi. E lo ha fatto nel migliore dei modi, cioé battendo il Portsmuth per 3-0 e staccando di tre lunghezze i rivali del Chelsea in classifica.
Era il 6 novembre 1986, anno in cui, per intenderci, Maradona era Re di Napoli e avrebbe trascinato i partenopei al primo epico scudetto al termine della stagione.
Oltre Manica, Mr Ferguson esordiva con una poco incoraggiante sconfitta per 0-2 contro l’Oxford United.

Dopo tre anni di ambientamento, cosa impensabile in Italia, dove sei crocifisso dopo due sconfitte, all’inizio degli anni 90, Sir Alex comincia a raccolgiere quanto seminato, alzando al cielo la Coppa d’Inghilterra (che non ha niente a che vedere, per valore, alla nostra Coppa Italia) battendo il glorioso Nottingham Forest.
Il primo di 24 trofei con i Red Devils: 8 titoli di Premier, 1 Champions (1999), 1 coppa Coppe (1991), 5 coppe d’Inghilterra, 2 di Lega, 5 Supercoppe inglesi, 1 coppa Intercontinentale, 1 Supercoppa europea.Chapeu!
Chissà se invece che in Inghilterra, si fosse trovato sulla panchina dell’Inter, del Milan, della Roma o di qualche altra “grande” del nostro campionato. Gli avrebbero mai permesso di portare a casa tutti questi trofei?
I freddi inglesi intanto, non hanno riservato al loro mentore nessuna particolare celebrazione. Solo una cena.
Ma il festeggiato, pare abbia apprezzato: “Oggi sono stati bravi a non trasformare la ricorrenza in un circo, in una carnevalata”
E il futuro? Sir Alex la pensa così: “E’ scandaloso che qualcuno pensi che debbo andare in pensione. Solo perché c’è gente che non vuole lavorare non bisogna denigrare chi ha voglia di continuare. Certi atteggiamenti mi fanno schifo”.
La grinta pare non l’abbia persa, non credete?
E allora auguri Mr Ferguson, altri “20” di questi giorni.

I Video di Blogo

Ibrahimovic, spot per la Regione Lombardia: “Non sfidate il virus, usate la mascherina”