Diritti tv Serie A assegnati a Sky e a Rti per il triennio 2012-15


La Lega Nazionale Professionisti Serie A comunica, in esito alle offerte ricevute entro le ore 12.00 del 16.9.2011 e ai sensi di quanto previsto dall'invito a presentare offerte pubblicato in data 6.9.2011, di aver assegnato:
- a SKY Italia per le stagioni sportive 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 il PACCHETTO 1 avente ad oggetto i diritti audiovisivi da esercitarsi in forma esclusiva sulla piattaforma televisiva satellite a pagamento in ambito nazionale come da allegato 1 dell'invito a presentare offerte pubblicato in data 6.9.2011;
- a RTI Reti Televisive Italiane per le stagioni sportive 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 il PACCHETTO 3 avente ad oggetto i diritti audiovisivi da esercitarsi in forma esclusiva sulla piattaforma televisiva digitale terrestre a pagamento in ambito nazionale come da allegato 3 dell'invito a presentare offerte pubblicato in data 6.9.2011.

Il presidente della Lega di serie A Maurizio Beretta commenta con soddisfazione l'accordo raggiunto:


"È un risultato molto significativo, per valore totale dei diritti rende la serie A seconda solo alla Premier League inglese che è più forte sui mercati internazionali. La serie A avrà un aumento di circa 37 milioni di euro di introiti all'anno. Questa volta non sono compresi nel pacchetto i diritti di archivio che prima facevano parte della vendita collettiva. Ora le società potranno venderli singolarmente, per un valore del 4-5% del complessivo. Nel primo dei tre anni in questione ci sarà un aumento degli introiti attorno al 5% rispetto all'ultima stagione. C'è un notevole spazio di crescita a livello internazionale: contiamo di avvicinarci all'ordine del miliardo di euro a stagione quando anche tutti i pacchetti esteri saranno venduti".

Nel frattempo la prima giornata di campionato di serie A (quella saltata per il mancato accordo tra Lega e Aic sul contratto collettivo dei calciatori) si recupererà mercoledì 21 dicembre. Lo ha deciso l'assemblea delle società di Serie A.

  • shares
  • Mail