Il Beckham norvegese per l’Inter

In Italia lo conoscono solo gli appassionati di Football Manager, ma in Norvegia è un idolo per i tifosi del Rosenborg e per migliaia di ragazzine. Chi è Per Ciljan Skjelbred? E’ uno dei giovani più promettenti dell’ intero calcio scandinavo. Classe 1987, 176 cm per 63 kg, è un talento precocissimo tanto da aver

In Italia lo conoscono solo gli appassionati di Football Manager, ma in Norvegia è un idolo per i tifosi del Rosenborg e per migliaia di ragazzine. Chi è Per Ciljan Skjelbred?
E’ uno dei giovani più promettenti dell’ intero calcio scandinavo. Classe 1987, 176 cm per 63 kg, è un talento precocissimo tanto da aver già debuttato nella scorsa stagione in Champions League e mettendo a segno anche un gol.
Ala destra agile e scattante, bravo nel dribbling e preciso nei cross, è in procinto di essere convocato per la prima volta nella nazionale maggiore dopo aver fatto parte di tutte le selezioni giovanili. Il suo contratto scade nel dicembre 2007 e l’ Inter sembra si sia fatta decisamente avanti per portarlo già a giugno in Italia. Nella sua giovane carriera già un infortunio molto grave, una rottura scomposta della gamba che lo ha tenuto lontano dai campi per più di sei mesi. Ora è tornato e promette di recuperare il tempo perduto.
Il direttore dell’ area tecnica Marco Branca e l’ amministratore delegato Errnesto Paolillo con delega al settore giovanile hanno intrapreso nell’ ultimo anno solare la stessa strada di Barcellona, Chelsea, Manchester United e Arsenal: strappare in giro per il mondo le stelle del domani.
Maaroufi, il 17enne centrocampista che si è così ben comportato in Coppa Italia, è l’ esempio più eclatante, ma sono pronti a seguirlo Ribas, Slavkovski, Coelho, Filkor e Belaid. Senza contare Andreolli, che si spera possa ripetere le gesta dei vari Bergomi e Ferri.
Per chi volesse vedere alcune immagini di Skjelbred, può dare una occhiata qui.