De Laurentiis euforico dopo la vittoria, ma contro l’Inter non ci sarà Cavani

Le parole di De Laurentiis dopo l’esaltante vittoria contro il Villarreal e prima della sfida di San Siro con l’Inter. Intanto non arrivano buone notizie dall’infermeria, si fermano Cavani e Aronica.


Con la vittoria di ieri sera il Napoli ha fatto un passo avanti verso la qualificazione agli ottavi di finale, la strada è ancora lunga ma nel capoluogo campano si respira un’aria di moderato ottimismo. Aurelio De Laurentiis gongola e si gode questo momento magico, intervistato da Radio Marte il presidente ha raccontato le sue sensazioni dopo la prima notte di Champions League vissuta al San Paolo:

“Io provo emozioni soprattutto quando si vince. Ieri la musica della Champions e l’entusiasmo del San Paolo hanno rappresentato una equazione indovinata perché ci siamo intrecciati con una splendida coreografia di uno stadio che è tornato nell’Europa importante come merita questa città. È stato uno splendido tripudio anche per gli occhi degli stranieri che ci seguivano nel mondo”.

De Laurentiis ha anche analizzato la sfida contro il Villareal, soddisfatto della prova è riuscito comunque a trovare qualcosa da migliorare, poi ha proiettato il pensiero al futuro, alla classifica del Girone A e alle possibilità della sua squadra di superare il turno:

“Col Villarreal abbiamo visto ciò che Mazzarri va predicando sempre, ovvero mettere subito a terra l’avversario con un inizio sprint e poi magari sarebbe stato utile segnare anche il terzo gol così da non dare possibilità o speranze di rimonta. Questa è una mia constatazione perché tendo sempre a migliorare. Il Bayern Monaco ci ha dato una mano battendo il Manchester. Possiamo puntare alla qualificazione, un traguardo al quale siamo proiettati. L’impostazione che io ho dato è quello della preferenza verso la Champions perché dobbiamo recuperare nel ranking mondiale. Il Napoli deve attestarsi su solide posizioni in campo internazionale”.


Il Napoli adesso è secondo con quattro punti, dietro ai tedeschi che viaggiano a punteggio pieno, inseguono Manchester City e Villarreal rispettivamente con uno e zero punti. Ma archiviata la sbornia europea è ora di tornare a pensare ai fatti del campionato, anche perché la prossima sfida è di quelle importanti: a San Siro con l’Inter rigenerata dalla cura Ranieri. La partita di coppa, oltre ai tre punti, ha portato in dote anche alcuni infortuni, il più importante è ovviamente quello occorso a Cavani, oltre all’uruguayano contro i nerazzurri mancherà anche Aronica, mentre dovrebbe riuscire a recuperare Lavezzi.

Il Matador ieri sera è uscito dal campo zoppicante dopo aver rimediato un calcione da Zapata. Le sue condizioni sono apparse subito abbastanza preoccupanti e gli esami hanno confermato quelli che erano i timori di ieri: l’attaccante si è procurato una distorsione di primo grado alla caviglia destra, starà fermo una o due settimane. Più serie le condizioni di Aronica, il giocatore non è ancora stato sottoposto all’ecografia per valutare l’entità dell’infortunio muscolare, ma si teme uno stiramento. Il bollettino medico si chiude con Lavezzi che come al solito a fine partita soffre a causa di un problema al tallone, il Pocho però dovrebbe essere arruolabile contro l’Inter.

Per Mazzarri si prospetta una nuova occasione per mettere in pratica il turn over e saggiare il livello di maturazione della squadra, dopo il primo esperimento non tanto riuscito contro il Chievo. Su questo argomento si è espresso anche De Laurentiis che ha detto chiaramente che per crescere ulteriormente bisogna riuscire a valorizzare tutti gli elementi della rosa. Aspettiamo la sfida di San Siro per vedere se il Napoli riesce a essere la squadra che sta incantando in questo inizio di Champions League anche senza alcuni dei suoi attori principale.