Dura la vita per San Marino

A scrivere le pagine della storia del calcio di solito sono i grandi campioni, le squadre leggendarie. Ma dietro queste storie principali se ne consumano altre che fanno parte di questo sport allo stesso modo. In questo panorama si inserisce la simpatica nazionale di San Marino. Quanti di noi vedendo i risultati di questa squadra

A scrivere le pagine della storia del calcio di solito sono i grandi campioni, le squadre leggendarie. Ma dietro queste storie principali se ne consumano altre che fanno parte di questo sport allo stesso modo.
In questo panorama si inserisce la simpatica nazionale di San Marino. Quanti di noi vedendo i risultati di questa squadra hanno accennato ad un sorriso? Chi non si è meravigliato leggendo dei 13 gol subiti contro la Germania nella partita di qualificazione per gli Europei del 2008 giocata due mesi fa?

Bene, nessuno però pensa che dietro queste nazionali ci sono comunque persone che lavorano con la stessa passione di un ct campione del mondo, senza nemmeno il supporto dei risultati. Proprio di questo ha parlato l’allenatore sanmarinese Gianpaolo Mazza in un intervista rilasciata a uefa.com.

La prossima partita per questa minuscola Repubblica sarà in terrà d’Irlanda, a Dublino, nessuno ovviamente si aspetta una vittoria sorprendente, tutto quello che interessa è limitare i danni e intanto fare esperienza.
Eh si, limitare i danni, perchè nelle prime due uscite sono state rimediate ben 20 reti, 13 dai tedeschi e 7 dai cechi.

Ovviamente, ha spiegato Mazza, la squadra non parte mai pensando alla sconfitta come inevitabile, però realisticamente è sempre difficile poi riuscire a portare un punto a casa. Oggi più che mai visto che il girone (D) in cui sono stati sorteggiati non propone nemmeno un avversario dello stesso livello. Basti pensare che in tutta la sua storia San Marino ha ottenuto solo una vittoria, in una partita non ufficiale, contro il Liechtenstein.

Indubbiamente però queste partite sono un’ottima palestra per maturare e fare esperienza. Non fa niente se l’esordiente portiere ventenne Simoncini (riserva nel San Marino che milita in C1) subisce un battesimo così traumatico.
Mazza ha anche spiegato che in questo periodo sta cercando di mettere in atto un ricambio generazionale non semplice e che quindi le cose sono complicate ulteriormente rispetto al solito.

Ma San Marino non si scoraggia, scenderà in campo anche domani sera inseguendo un sogno che probabilmente non si realizzerà, ma intanto un altro piccolo pezzo di storia del pallone è stata scritta. Non fa niente se i giornali non se ne accorgeranno, in fondo il calcio è anche e forse soprattutto questo, piccole storie che fanno da contorno alle grandi imprese.

Ultime notizie su Campionati Europei di Calcio

Tutto su Campionati Europei di Calcio →