Niente Milan: Gago e Higuain verso il Real

Da oggi ospiteremo un post al giorno sulle principali trattative di mercato delle squadre italiane e non, sperando di darvi qualche chicca in anticipo sulla concorrenza. La missione di Ariedo Braida in Sudamerica e specialmente in Argentina non ha portato i frutti sperati. Perchè i due obiettivi[…]


Da oggi ospiteremo un post al giorno sulle principali trattative di mercato delle squadre italiane e non, sperando di darvi qualche chicca in anticipo sulla concorrenza.
La missione di Ariedo Braida in Sudamerica e specialmente in Argentina non ha portato i frutti sperati. Perchè i due obiettivi reali dei rossoneri, il centrocampista del Boca Juniors Fernando Gago e l’ attaccante del River Plate Gonzalo Higuain, gli hanno comunicato che preferiscono di gran lunga il Real Madrid.
Dopo il 19enne terzino brasiliano della Fluminense Marcelo, pagato 7 milioni di euro e che giocherà nella seconda squadra fino a giugno, le merengues continuano nella loro offensiva di ringiovanimento della rosa e sono ad un passo dal mettere a segno due colpi molto importanti, perchè i due sono quanto di meglio si possa trovare in Sudamerica ad oggi. Nel video troverete alcune delle prodezze di Higuain, che negli ultimi giorni è stato al centro di una querelle internazionale perchè ha rifiutato la convocazione con la Nazionale francese, Paese in cui è nato. Considerato l’erede di Crespo, 19 anni a dicembre, 184cm per 75kg, è una punta rapida, potente e dal grande fiuto del gol. Inter e Milan si sono mosse forse troppo tardi, perchè il Real, contando sulla disponibilità del giocatore, la prossima settimana manderà Baldini e Mijatovic per chiudere la trattativa. Per gennaio o più probabilmente giugno.
Nel mercato invernale dovrebbe invece giungere nella capitale spagnola l’ erede designato di Redondo, ossia Fernando Gago, 20 anni, centrocampista centrale, grande recuperatore di palloni, senso della posizione, potenza e personalità sono le sue doti migliori. Non è veloce, ma sa far girare velocemente il pallone. Proprio come Redondo, non quello arrivato rotto a Milano.
I rossoneri quindi dirotteranno tutte le loro attenzioni su Emerson, che ha mostrato chiari segnali di insofferenza verso il pubblico madrileno e ha da tempo dato mandato al suo procuratore di preparare il suo ritorno in Italia.