Vergogna a San Siro per Inter-Reggina

Lo stadio Meazza di Milano, situato nel quartiere di San Siro è da sempre soprannominato “La Scala del calcio”.
Il motivo non è da ricercarsi nella semplice coincidenza che sia il Meazza che il celebre teatro si trovano nella stessa città, ma il vero motivo è che il blasone delle due squadre milanesi e l’impianto organizzativo che le circonda è unico in Italia.

Anni fa più che oggi fare punti a San Siro per una piccola squadra come la Reggina significava qualcosa.
Quello a cui abbiamo assistito ieri, invece ha del vergognoso.

Io e qualche altro amico della mia stessa città, ci rechiamo allo stadio per andare a vedere Inter-Reggina con le sciarpe al collo della nostra squadra del cuore.
Il nostro obiettivo è entrare nel settore ospite in quanto gemellati con i tifosi della Reggina.
Fortunatamente intorno allo stadio la situazione è tranquilla e quando ci districhiamo tra le lamiere del settore ospite ci viene comunicato che è possibile acquistare il biglietto di quel settore ai botteghini grazie ad una deroga della questura.

Allora ci rechiamo al botteghino più vicino e ci accoriamo di una situazione al quanto assurda.
Gli sportelli sono aperti tutti, ma mentre in alcuni c’è una calca terrificante con le persone schiacciate come sardine, in altri non c’è praticamente nessuno e coloro che stanno all’interno chiacchierano tranquillamente tra loro.
L’Internazionale f.c. ha infatti riservato ben tre sportelli alla vendita dei tagliandi della gara di Coppa dei Campioni contro lo Sporting di Lisbona, sportelli che a poco meno di mezzora dall’inizio di Inter-Reggina sono praticamente deserti, mentre negli altri c’è una folla da paura fatta di tifosi nerazzurri con figli a seguito, tifosi reggini, qualche salernitano e alcuni tifosi delle Brigate rossonere che anch’essi sono in buoni rapporti con i reggini e che insieme a noi tentavano di acquistare i tagliandi.
Parlando proprio con i tifosi rossoneri ci viene spiegato che quando gioca il Milan non è mai successo che il giorno di una gara di campionato, vengano adibiti botteghini per la vendita esclusiva dei biglietti di un’altra partita.
Alla fine acquistiamo il nostro tagliando e entriamo prima dell’inizio.
Qualche centinaio di persone invece, sono entrati a partita iniziata.
Ci viene naturale chiederci cosa sarebbe accaduto se questa idea fosse venuta prima di una gara a rischio.
Meglio non saperlo.
Se questa è l’organizzazione dell’Inter anche per quanto riguarda il lato tecnico, si spiegano anche i successi e le vittorie dei nerazzurri negli ultimi anni.

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: