Pulvirenti: “Spalletti, solo un ipocrita”

Il 7 – 0 con il quale la Roma ha umiliato l’ottimo Catania di inizio stagione non è proprio andato giù alla dirigenza rossoblu, ed in primis al presidente Antonino Pulvirenti. A 24 ore dall’insolito match il numero uno degli etnei continua a criticare aspramente il comportamento del tecnico giallorosso definito antisportivo e ipocrita: “Le

Il 7 – 0 con il quale la Roma ha umiliato l’ottimo Catania di inizio stagione non è proprio andato giù alla dirigenza rossoblu, ed in primis al presidente Antonino Pulvirenti. A 24 ore dall’insolito match il numero uno degli etnei continua a criticare aspramente il comportamento del tecnico giallorosso definito antisportivo e ipocrita:

“Le pacche nel sottopassaggio sono pura ipocrisia che poteva evitare. Spalletti vive in una dimensione sportiva da semidio e quando ricadrà sulla terra si potrà rendere conto: la sua è stata ipocrisia allo stato puro, mi è piaciuto di più quando incitava i suoi a fare gol o quando ha fatto entrare giocatori motivati come Montella, Vucinic e Aquilani”.
La sconfitta a Roma era un risultato che poteva tranquillamente starci, ma maturato in questo modo lascia strascichi polemici più o meno comprensibili: “Non ci siamo giocati il campionato ieri all’Olimpico, sapevamo che loro erano più forti e che si poteva anche perdere. Da presidente non posso far altro che accettare il risultato e dire che va bene così, però anche in guerra esistono regole etiche non scritte, figurarsi nello sport”.

La replica di Spalletti nel pomeriggio di ieri:
“Sono solito salutare gli avversari stringendogli la mano a prescindere dal risultato finale. Il resto sono polemiche che mi lasciano sorpreso e delle quali preferisco non parlare.”
E’ sportivamente ed eticamente più giusto fare torello per 45 minuti o giocarsi la partita come se si fosse sullo zero a zero? Voi da che parte state?

via | Repubblica.it