Il Palermo può spezzare le reni alla capolista?

Il presidente Zamparini ha caricato l’ ambiente a modo suo: ” Spezzeremo le reni all’ Inter domenica e vinceremo 4 a 1″. sarebbe la prima volta: i rosanero già nella scorsa stagione inflissero la prima sconfitta in campionato ai nerazzurri, ma eravamo alla seconda giornata e da allora Calciopoli e il mercato hanno cambiato radicalmente

Il presidente Zamparini ha caricato l’ ambiente a modo suo: ” Spezzeremo le reni all’ Inter domenica e vinceremo 4 a 1″.
sarebbe la prima volta: i rosanero già nella scorsa stagione inflissero la prima sconfitta in campionato ai nerazzurri, ma eravamo alla seconda giornata e da allora Calciopoli e il mercato hanno cambiato radicalmente le carte in tavola. Il Palermo visto a Cagliari ha pagato oltremisura le assenze di Corini e Di Michele che, assieme a Barzagli, formano l’ asse portante della formazione di Guidolin.
In queste occasioni, non dimentichiamo tutto il secondo tempo giocato in inferiorità numerica per la sacrosanta espulsione di Simplicio, si cerca di portare a casa il punticino e ce la stavano quasi facendo. E’ bastato un episodio casuale, un rimpallo, a liberare Pepe che ha siglato il classico gol dell’ ex. Il punto è questo: nella partita secca gli uomini di Mancini possono perdere alla Favorita che si annuncia esaurita in ogni ordine di posti? Per quel che abbiam visto quest’ anno i nerazzurri nelle partite con le squadre più accreditate hanno dato il meglio e vinto praticamente sempre in trasferta: Fiorentina, Roma e Milan hanno perso più nettamente di quanto dica il risultato. Dal canto loro i siciliani hanno incantato specie quando hanno potuto giocare di rimessa mentre quando dovevano impostare il gioco hanno trovato qualche difficoltà in più.
Servirà pazienza e accortezza, pensare di attaccare l’ Inter sulle ali dell’ entusiasmo di uno stadio pieno potrebbe rivelarsi un azzardo. Sarà una sfida ricca di gol, in quanto la fase difensiva di entrambe vive di episodici black out, ma soprattutto sarà una partita a scacchi fra i due allenatori, con il mister di Castelfranco che potrebbe impostare un folto centrocampo a 5 per prendere d’ infilata i nerazzurri sulle fasce dove obiettamente è carente in fase di contenimento.
Siamo solo a martedì, ma, coppe permettendo, l’ atmosfera è quella del grande appuntamento. Sfida scudetto alla Favorita, solo un visionario come Zamparini poteva crederci.