Botta e risposta Calciomercato.com – Antenna3

Nuovo capitolo dei contrasti tra mondo dei media calcistici tradizionali con i cosiddetti new media. Dopo la querelle non ancora terminata che ha contrapposto il quotidiano torinese Tuttosport e la principale community sul web dei tifosi granata Toronews, di cui abbiamo a lungo parlato qui, stavolta è toccato ad uno dei principali siti di calciomercato

Nuovo capitolo dei contrasti tra mondo dei media calcistici tradizionali con i cosiddetti new media. Dopo la querelle non ancora terminata che ha contrapposto il quotidiano torinese Tuttosport e la principale community sul web dei tifosi granata Toronews, di cui abbiamo a lungo parlato qui, stavolta è toccato ad uno dei principali siti di calciomercato on line, calciomercato.com, e alla redazione sportiva di Telelombardia e Antenna3, che nelle sue trasmissioni di punta ha ormai da qualche mese come ospite Luciano Moggi.
Stamattina un redazionale del sito, che ha festeggiato nel 2006 i 10 anni di attività, ha attaccato pesantemente il network lombardo : ” L’ emittente milanese ripropone il teatrino di sempre, con finti nemici, Corno e Crudeli… finti indignati, il leghista Prosperini ma anche l’ex eterno portiere di riserva Mario Ielpo. Il conduttore Fabio Ravezzani può compiacersi di questi attacchi tanto provvidenziali quanto utili a salvaguardare l’apparente professionalità e imparzialità del conduttore del programma”. Un attacco diretto a cui è seguita la risposta diretta e altrettanto piccata ospitata dal sito della storica trasmissione Qui Studio a Voi Stadio: ” L’allusione, offensiva e volgare, verrà dibattuta nelle sedi opportune. L’accetteremmo da qualsiasi telespettatore, ovvio, a titolo personale. Ma qui ci troviamo di fronte a una testata giornalistica.
Davanti a un collega che s’impalca a moralizzatore e decide chi invitare e chi no, cosa sia etico e cosa no. Allora ci sembra doveroso usare nei suoi confronti lo stesso metro, senza però scadere nell’insulto.
Chi è che controlla Calciomercato.com? Ve lo diciamo noi: è il signor Carlo Pallavicino, di professione procuratore. Sì, uno che fa soldi sulle trattative dei calciatori.
E chi detta la linea editoriale di Calciomercato.com? Sempre lui: il procuratore Carlo Pallavicino, quello che ha una percentuale su ogni operazione che riguarda i suoi giocatori. Quello che, il calciomercato, ha tutto l’interesse di raccontarlo, e magari condizionarlo.
Insomma, siamo di fronte a un clamoroso conflitto di interessi: in forma diversa, ma sostanzialmente analogo a quello attribuito alla Gea”.
Boom, 1 a 1 e palla al centro. Ad ognuno dei lettori la possibilità di schierarsi da una parte o dall’ altra, in attesa di nuovi inevitabili sviluppi.