Un bel gesto: le maglie del Real Madrid per incoraggiare Cassano

Antonio Cassano, operato al cuore di recente, è tornato a casa: sabato bel gesto della sua ex squadra, il Real Madrid, che è sceso in campo con una maglia speciale (numero 19 e la scritta “Forza Cassano”)

Antonio Cassano è tornato nella sua casa di Milano dopo l’intervento al cuore: il fantasista barese ha lasciato dunque il Policlinico del capoluogo lombardo e potrà riprendersi in compagnia dei suoi familiari più stretti, tra cui il piccolo Cristopher, il figlio di appena 7 mesi. Indubbiamente le attenzioni che ha ricevuto Fantantonio sono state fuori dal comune, con tutto il mondo del calcio e dello sport che si sono stretti attorno al giocatore, tanto che Nereo Bresolin, primario di Neurologia del nosocomio dove il milanista è stato ricoverato per una settimana, ha oggi dichiarato:

“Antonio Cassano è stato dimesso ieri sera. Tutti i controlli effettuati ieri sul calciatore hanno avuto esito positivo. Sta bene e ora dovrebbe osservare 2-3 settimane di riposo. A 29 anni e con tutta la gente che conosce farlo stare tranquillo non è facilissimo. Cassano non è un paziente facilissimo e ci ha creato un po’ di scompiglio in ospedale. Io gliel’ho detto: dopo una settimana di ricovero ed un intervento al cuore sarebbe il caso che per un po’ stesse tranquillino. Certo, lui è giovane e famoso ed è inevitabile che raccolga intorno a sé l’attenzione di tante persone e di tanti giornalisti”.

Cassano è voluto bene dai compagni, dai tifosi e, si è scoperto, anche dalla sua ex squadra del Real Madrid: prima dell’altisonante 7-1 all’Osasuna di ieri sera (a proposito, le merengues ora sono prime nella Liga con 3 punti di vantaggio sul Barcellona) la squadra di Mourinho è scesa in campo con una maglia numero 19 (il numero di Cassano ai tempi del Real) con su scritto “Forza Cassano“. Il fuoriclasse di Bari Vecchia ha giocato con i blancos dal gennaio del 2006 all’estate 2007, vincendo anche uno scudetto con Fabio Capello; il gesto del Real è stato molto apprezzato dagli addetti ai lavori e dai semplici appassionati, ed è certo che dietro questo pensiero gentile ci sia lo zampino proprio dello Special One che, oltre ad essere un gran comunicatore, è un tipo in grado di stupire anche quando si tratta di tirare su un “collega“.

I Video di Calcioblog