Luis Enrique avverte i suoi: "Con il Lecce mi aspetto i tre punti"


La Roma ospita all'Olimpico il Lecce in un incontro che potrebbe rappresentare una svolta nella stagione dei capitolini. Evitando ulteriori passi falsi, i giallorossi potrebbero infatti puntare ad isediarsi in maniera stabile nelle zone alte della graduatoria. Di questo è ben consapevole il tecnico Luis Enrique, che chiede ai suoi il massimo dell'impegno, invitandoli però allo stesso tempo a non sottovalutare i salentini, a suo parere più insidiosi di quanto non direbbe la loro classifica finora piuttosto deficitaria:

"Mi aspetto tre punti col Lecce, ma solo se faremo tutto al massimo. Senza il giusto atteggiamento, la fame e la voglia di vincere soffriremo tantissimo. Il Lecce ha una squadra e un attacco interessanti, ha solo otto punti in classifica ma li ho visti giocare e se non saremo al 100% sarà sicuramente difficile per noi".

L'allenatore smentisce le voci su possibili malumori nello spogliatoio giallorosso, in particolare di Daniele De Rossi, che dopo mesi di trattative non ha ancora deciso se rinnovare il suo contratto:

"Io non vedo malumore, ma bisogna domandarlo ai giocatori. Io vedo una squadra che si allena bene, mi piacerebbe che si allenasse ancora di più ma questo è il mio lavoro. De Rossi? L'ho visto come sempre, è tornato dalla Nazionale con la sua predisposizione abituale".

Lo spagnolo prosegue poi confermando il recupero del giovane talento Erik Lamela, che sarà affiancato in attacco al capitano Francesco Totti, anch'egli tornato in buone condizioni fisiche:

"Lamela è recuperato e fisicamente sta bene. È una fortuna per noi recuperarlo, se non ci saranno problemi sarà inserito nella lista. Chi gioca come punta tra lui e Totti? Tutte e due le situazioni sono possibili. A Novara, Lamela ha giocato come punta, Totti lo ha fatto tante volte. Credo che la posizione naturale di Francesco sia quella del trequartista ma sono dell'idea che tutte e due possono giocare insieme."



Luis Enrique conclude commentando il grave infortunio che ha colpito il difensore argentino Nicolas Burdisso, al quale sarà costretto a rinunciare fino al termine della stagione:

"Mi dispiace moltissimo per Burdisso ma sono cose che succedono ed è un peccato per la squadra di cui è un leader. Siamo pronti per andare avanti con il resto del gruppo. Gli auguro di riprendersi al più presto. Sostituti? Questa è una rosa ampia, siamo pronti per affrontare la situazione, una società come la Roma guarda sempre al mercato per vedere cosa può succedere. Ma sono tranquillo il mio lavoro è migliorare questa squadra".

  • shares
  • Mail