Ibra è pronto alla sfida con il Barcellona ma assicura: "Niente di personale"


Si avvicina sempre di più il giorno dell'attesissima sfida di Champions League che deciderà la vincente del gruppo H della massima competizione continentale. Mercoledì sera a San Siro, si sfideranno infatti il Milan e i campioni in carica del Barcellona, al momento in vetta al raggruppamento con due punti di vantaggio sugli avversari. Ai rossoneri basterebbe dunque un successo per conquistare la prima piazza, cosa più facile a dirsi che a farsi, vista l'assoluta qualità della corazzata blaugrana. Uno degli uomini più attesi della sfida è il bomber Zlatan Ibrahimovic, ex dei catalani ed eterno incompiuto nella "coppa dalle grandi orecchie", che in un'intervista rilasciata questa mattina ha dichiarato:

"Giocare contro una ex squadra non è niente di personale. Naturalmente sarà una grande gara, ma alla fine un po' come tutte le altre. Non serve darle troppo peso. Sarà una partita emozionante, fantastica. Giocheremo contro la squadra più forte del mondo, senza dubbio. Lo era anche quando me ne sono andato, e lo sapevo, ma è stato meglio per tutti. Visti i risultati di entrambe le squadre, è stata la soluzione migliore".

L'attaccante svedese è tornato poi sul suo rapporto con gli spagnoli, dai quali ha divorziato dopo una sola travagliata stagione, commentando anche la sua "sfortuna" in Champions:

"E' importante stare bene nell'ambiente in cui giochi. Se sei felice diventa tutto più facile. L'umore fuori dal campo è legato a quello in campo e viceversa. Alla fine avevo qualche difficoltà a Barcellona, quindi era meglio andarsene. Mi sono comportato da uomo, abbiamo trovato una soluzione e sono partito. La Champions League manca nel mio palmares? Qualche anno fa era il mio obiettivo principale, ma se vuoi troppo qualcosa, alla fine non la vinci mai."

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: