Unicredit tratta con i cinesi per il restante 20% della Roma


Il vicedirettore generale di Unicredit, Paolo Fiorentino ha rivelato oggi, intervenendo nel corso della trasmissione La Politica nel Pallone su Gr Parlamento, che ci sono stati dei contatti tra l'istituto di credito, possessore del 20% del pacchetto azionario della Roma dopo il passaggio del club giallorosso dalla famiglia Sensi alla cordata americana guidata da Thomas DiBenedetto, e un non meglio precisato fondo cinese, che sarebbe intressato una parte della quota ancora in possesso della banca. Queste le sue parole:

"Contatti con un Fondo sovrano cinese? Abbiamo la possibilita' di cedere una parte del 20% della nostra quota ma non vogliamo cederla a chiunque, vogliamo provare a valorizzare ancora la Roma, attraverso l'ampliamento degli azionisti che possano dar valore al brand. Vediamo la possibilità di avere investitori asiatici come un grande asset. Stiamo vedendo se ci sono dall'altra parte del mondo degli investitori, stiamo verificando se c'è un interesse. Certo in un momento di turbolenze dei mercati non aiuta ad investire in settori non nevralgici come il calcio, ma siamo fiduciosi e non abbiamo fretta. Noi non vogliamo monetizzare ma valorizzare l'asset e vogliamo un investitore che possa portare valore all'asset, ci sono discussioni avviate. La Roma è una società strutturata che Unicredit e gli statunitensi vogliono sempre più forte. Anche per questo Unicredit sta vagliando delle opzioni anche in Cina per cedere una quota".

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: