Vialli su Twitter: “Niente cocaina con Padovano, solo qualche canna da ragazzi”

L’ex attaccante della Juventus smentisce le parole del padre di Iuliano in merito alla vicenda dell’arresto di Padovano


Arrivano le prime reazioni degli interessati dopo le pesantissime accuse lanciate ieri dal padre dell’ex difensore della Juventus Iuliano, che tramite il suo profilo Facebook aveva accusato l’ex compagno di squadra del figlio Michele Padovano, condannato a otto anni e otto mesi di reclusione per spaccio di cocaina, di aver procurato droga ad alcuni giocatori bianconeri. Oltre a Iuliano, erano stati tirati in ballo Jonathan Bachini, squalificato a vita nel 2005 proprio per uso di stupefacenti e Gianluca Vialli, che oggi ha smentito la notizia sempre utilizzando i mezzi messi a disposizione dal Web 2.0.

Tramite la sua pagina Twitter, l’opinionista sportivo ha infatti risposto alle domande di alcuni utenti che gli chiedevano un commento sulla vicenda, dichiarando di essere sbalordito dalle parole dell’uomo e ribadendo la stessa versione già data il 4 ottobre 2006, quando era stato chiamato di fronte ai giudici nel corso di una delle prime udienze del processo all’ex compagno di reparto in maglia bianconera, ovvero di essersi fatto con Padovano, suo grande amico anche fuori dal campo, “solo qualche canna” e chiosando con un “abbasso la droga, viva la gnocca”.