Ancelotti firma con il Paris Saint Germain: “Saremo grandi in Europa”

L’ex allenatore di Milan e Chelsea firma con i parigini fino al 2014 per 7 milioni a stagione


Dopo due fumate nere, arriva finalmente la firma di Carlo Ancelotti con il Paris Saint Germain. Poco più di un’ora fa, l’ex tecnico di Milan e Chelsea ha infatti annunciato ufficialmente il suo passaggio al club francese. Come già anticipato ieri l’accordo è fino al 30 giugno 2014, per la cifra record di sette milioni di euro a stagione, che lo rende uno degli allenatori più pagati al mondo secondo solo a “superstar” del calibro di José Mourinho, Pep Guardiola e Fabio Capello.

Ancelotti ha anche vinto il braccio di ferro con la dirigenza dei parigini, motivo principale del prolungarsi della trattativa, ottenendo di avere come secondo il suo vice dei tempi del Chelsea, Ray Wilkins (la proprietà avrebbe preferito al suo posto Sabri Lamouchi) e come preparatore atletico il fedelissimo Giovanni Mauri. Resteranno invece l’assistente Claude Makelele, l’allenatore dei portieri Gilles Bourges e il resto dello staff che ha lavorato con l’esonerato Antione Kombouarè. Queste le dichiarazioni rilasciate dal tecnico di Reggiolo nel corso della conferenza stampa di presentazione:

“Sono felice di allenare il Psg, penso sia un club fantastico, penso si possa fare un buon lavoro perchè il Psg possa tornare ad essere un club forte in Europa. E’ un club con grandi ambizioni per il futuro e questo progetto mi piace molto. Farò l’allenatore a tempo pieno sul campo, mi piace lavorare e stare con i giocatori. Sarà la società ad operare sul mercato, ma la cosa più importante è che c’è unità d’intenti dal primo momento e ci sarà fino all’ultimo. Le decisioni della società sul mercato saranno condivise anche dall’allenatore”.


Ancelotti si è poi soffermato sul mercato di gennaio, nel quale i transalpini si apprestano a diventare una delle grandi protagoniste, essendo in trattativa con alcuni grandi nomi di grande richiamo come lo Spiceboy David Beckham, l’ex Pallone d’Oro Kakà e il bomber del Milan Pato (per il quale però è arrivato ieri il “niet” dell’amministratore delegato dei rossoneri Adriano Galliani):

“Il budget ancora non c’è, ma c’è la volontà del club di sfruttare il periodo di gennaio per migliorare la squadra. Parlare oggi di nomi credo non sia positivo perché si andrebbe a parlare di giocatori stabili in altre squadre e si finisce per incrementare il cartellino. C’è la volontà di migliorare la squadra e se ci saranno le condizioni si farà”.

Infine l’intervento del direttore sportivo dei rossoblu, Leonardo, che smorza le polemiche sull’ingaggio del nuovo allenatore, considerato da alcuni eccessivo:

“L’ingaggio di Ancelotti è in linea con il mercato europeo. E’ normale che nel mondo del calcio si parli di soldi. A muovere questa società, però, è la passione. L’idea è arrivare a competere a livello europeo: per riuscirci, dobbiamo entrare nel mercato come gli altri club che lottano per vincere in Europa”.