Palermo: dentro o fuori

E’ vero che Zamparini ha più volte dichiarato che il Palermo sarà competitivo per lo scudetto solo tra due stagioni, ma è anche vero che non ha mai espresso lo stesso concetto per quanto riguarda la Coppa Uefa, una competizione che, pur avendo perso il suo fascino e prestigio nel corso degli anni, sarebbe accolta

di

E’ vero che Zamparini ha più volte dichiarato che il Palermo sarà competitivo per lo scudetto solo tra due stagioni, ma è anche vero che non ha mai espresso lo stesso concetto per quanto riguarda la Coppa Uefa, una competizione che, pur avendo perso il suo fascino e prestigio nel corso degli anni, sarebbe accolta con estrema soddisfazione da un pubblico non avvezzo a vittorie importanti.
Obiettivo sedicesimi di finale quindi, per i rosanero tornati prepotentemente alla vittoria in campionato e ora alla caccia del passaggio del turno in Europa nella sfida decisiva col Celta Vigo.
Dopo la vittoria all’esordio contro l’Eintracht Francoforte infatti gli isolani sono scivolati in quarta posizione, sconfitti da Newcastle e Fenerbahçe.
Tuttavia un successo sul Celta garantirebbe ai siciliani almeno il terzo posto, ed eventualmente anche la secondo piazza in caso di risultato favorevole nell’altra sfida del girone che vede opposti Fenerbahçe ed Eintracht.

Per gli spagnoli potrebbe essere invece sufficiente anche un pareggio, mentre la sconfitta significherebbe l’esclusione.
Il Palermo potrà contare sul supporto del pubblico di casa, rianimato dal 3-0 inflitto al Livorno, ma dovrà fare i conti, in questa sfida inedita, con una squadra determinata e concentrata: “Siamo pronti ad impegnarci al massimo per ottenere il passaggio del turno” è l’intendimento della vigilia del centrocampista spagnolo Oubina, che sottolinea anche la felice tendenza del Celta in trasferta.
Celta che ha anche una tradizione positiva con le squadre italiane, con due vittorie, un pareggio e una sconfitta, mentre il Palermo ha alle spalle l’1-1 con l’Espanyol a Barcellona nella scorsa edizione della Coppa UEFA.
Per Guidolin rosa al completo, eccezion fatta per Diana che non ha ancora recuperato e non sarà disponibile, e bando al turn over, perché il passaggio del turno resta un obiettivo primario.
E poi volete mettere una trasferta a Monaco per sfidare un Barcellona, piuttosto che un Chelsea, in un’eventuale Supercoppa?
Via | Sportitalia