Ufficiale: il migliore è Cannavaro!

Come anticipato dalle indiscrezioni degli ultimi giorni, Fabio Cannavaro, un po’ a sorpresa si aggiudica il FIFA World Player of the Year award, succedendo a Ronaldinho Gaucho che, alla vigilia, appariva favorito. L’anno più esaltante nella carriera professionale della stella del Real Madrid, Fabio Cannavaro, è quasi giunto a conclusione. Il difensore italiano, 33 anni,

di

Come anticipato dalle indiscrezioni degli ultimi giorni, Fabio Cannavaro, un po’ a sorpresa si aggiudica il FIFA World Player of the Year award, succedendo a Ronaldinho Gaucho che, alla vigilia, appariva favorito.
L’anno più esaltante nella carriera professionale della stella del Real Madrid, Fabio Cannavaro, è quasi giunto a conclusione.
Il difensore italiano, 33 anni, ha mantenuto immutata la sua passione per il gioco da quando, bambino, cominciò a dare dei calci a un pallone per le vie di Napoli, fino a corononare il suo sogno di giocare nella squadra della sua città, il Napoli.
E’ con la casacca partenopea, che Cannavaro dimostra tutta la voglia e la determinazione che lo vedranno poi raggiungere il tetto del mondo.

Da qui, una crescita esponenziale, i successi con la Juventus, l’approdo al Real Madrid.
Non è stato tutto rose e fiori, ne abbiamo già parlato. C’è stato il filmato in cui si iniettava sostanze quantomeno dubbie, ai tempi di Parma, c’è stato l’anno horribilis con la maglia dell’Inter, c’è stata Calciopoli e la fuga da Torino.
Ma alla fine è stato il bel Fabio ad alzare al cielo la Coppa del Mondo in quella magica notte di luglio, è stato lui a ritirare il Pallone d’Oro, come miglior giocatore europeo del 2006, e sempre a Cannavaaro è stato consegnato dalla FIFA il premio come miglior giocatore del mondo, davanti, ancora una volta, a Zidane e Ronaldinho.
“Dedicato al calcio italiano”, ha dichiarato il capitano della Nazionale, durante la consegna del premio.
Se contano i risultati, applausi a Cannavaro. Se conta dell’altro, giudicatelo voi.

I Video di Blogo

Video, Olbia-Monza, Berlusconi ai tifosi: “Scusate, vi devo salutare perché devo andare a [email protected]