Doping – Il Siviglia risponde con una maglietta all’ironia dei francesi

Il Siviglia ha replicato con una maglia all’ironia dei francesi, ma il ministro dello Sport spagnolo ha ammesso: “Abbiamo problemi col doping”.

di antonio

E’ guerra aperta tra Canal Plus e la Spagna sportiva. Il canale televisivo francese, nei giorni scorsi, ha ironizzato pesantemente su Rafael Nadal e su altri sportivi iberici con due video trasmessi durante la seguitissima trasmissione satirica “Les Guignols”: nel primo il tennista orinava nella sua automobile che ripartiva di slancio, nel secondo alcuni personaggi dello sport spagnolo firmavano una petizione in sostegno di Alberto Contador, recentemente squalificato per doping, impugnando una grossa siringa al posto della penna. Furiosa è stata la reazione di politici e media spagnoli. La Federazione spagnola di tennis ha querelato Canal Plus.

Qualche mese fa, sempre dalla Francia, fu Yannick Noah ad avanzare sospetti sui successi dei vicini di casa. Il Siviglia si è schierato, ovviamente, dalla parte della Spagna sportiva e, contro la Real Sociedad, ha indossato la maglietta ufficiale con una scritta eloquente, un attacco ai francesi: “Libertà, uguaglianza…superiorità”. Non si sono mai sopiti i sospetti di una parte dell’opinione pubblica internazionale sullo sport spagnolo, soprattutto da quando l’indagine denominata “Operación Puerto” fece emergere nomi di ciclisti, calciatori spagnoli, giocatori di pallamano, tennisti ed automobilisti (rimasti però top secret e mai svelati). Sportivi che venivano riforniti da Fuentes, medico spagnolo a capo di una organizzazione dedita alla gestione di autoemotrasfusioni, alla vendita di sostanze dopanti, quali EPO, ormoni della crescita, anabolizzanti, e alla pianificazione del loro utilizzo.

Il ministro dello Sport spagnolo, Josè Ignacio Wert, ha ammesso oggi a Madrid che il paese ha

“un problema con il doping. Cercheremo di approvare nel più breve tempo possibile una riforma della legge contro il doping, in modo da riaffermare il nostro impegno, con tutte le misure necessarie, in questa direzione. Il governo vuole soddisfare tutte le esigenze di armonizzazione del Codice mondiale antidoping. E’ una questione di capitale importanza anche in vista della candidatura di Madrid” all’Olimpiade del 2020″.


I Video di Calcioblog