Se ne va un altro pezzo di Juve

Cresciuto calcisticamente nel Milan, esordì nel ruolo di libero nella squadra rossonera nel campionato 1958/59 (21 settembre 1958). Titolare dalla stagione successiva, conquistò in totale due campionati, quello d’esordio e l’ultimo disputato con il Milan (1961/62). Lasciò la sua squadra d’origine dopo 72 incontri in serie A. Parliamo di Sandro Salvadore, 331 presenze e 15

di

Cresciuto calcisticamente nel Milan, esordì nel ruolo di libero nella squadra rossonera nel campionato 1958/59 (21 settembre 1958).
Titolare dalla stagione successiva, conquistò in totale due campionati, quello d’esordio e l’ultimo disputato con il Milan (1961/62).
Lasciò la sua squadra d’origine dopo 72 incontri in serie A.
Parliamo di Sandro Salvadore, 331 presenze e 15 goal con la maglia della Vecchia Signora, dove si trasferì nel 1962, guidando la difesa bianconera per 12 stagioni.

Salvadore si è spento all’età di 67 anni: «Un campione di grandissima classe – ricorda il presidente Giovanni Cobolli Gigli – un vero trascinatore, legatissimo ai colori bianconeri.
La sua scomparsa ci addolora profondamente e siamo vicini ai suoi familiari. Capitan Billy ci mancherà.»
Con la Juventus vinse tre scudetti, nel 1967, nel 1972 e nel 1973 e una Coppa Italia, nel 1965.
Pilastro della Nazionale italiana con 36 presenze, partecipò alle spedizioni Mondiali di Cile ’62 e Inghilterra ’66 e nel 1968 vinse il titolo continentale negli Europei disputati in Italia.
Un pezzo di Milan, un pezzo di Juve, un pezzo di storia che se ne va.