Arsenal - Milan 3-0, Allegri: "Obiettivo raggiunto, è quello che conta"


Alla fine del primo tempo di Arsenal - Milan, molti tifosi rossoneri avranno iniziato a rivivere nella mente la tremenda eliminazione del 2004 sul campo del Deportivo La Coruña. Gli spagnoli riuscirono a ribaltare il 4-1 subito nella partita d'andata, e questa sera l'Arsenal ha tentato di ripetere l'impresa andandoci molto vicino ad otto anni di distanza. Al termine della partita Allegri ha lasciato subito la panchina rifugiandosi negli spogliatoi visibilmente accigliato, ed anche nel corso delle interviste post-partita si è potuto cogliere visibilmente il suo disappunto. Il Milan del primo tempo non gli è piaciuto, ma si è potuto consolare con quello visto nella ripresa che è riuscito a portare a casa la qualificazione:

"Non passare il turno sarebbe stato un brutto colpo. Dopo il 4-0 dell'andata avrebbe fatto male. Ma l'obiettivo è stato raggiunto ed è quello che conta. Ero cosciente che potevamo avere delle difficoltà, perché l'Arsenal non era quello dell'andata. Come quella di Palermo è stata fondamentale per il campionato, questa era fondamentale per la Champions e per la stagione".

Era stato lo stesso allenatore alla vigilia a parlare dell'eliminazione nel 2004 contro il Deportivo, arrivata contro ogni pronostico sebbene la formazione spagnolo all'epoca fosse di primissimo livello, probabilmente per esorcizzarla. Eppure nonostante questo, il suo Milan ha rischiato di essere eliminato nello stesso modo dalla Champions. In questa caso però secondo Allegri la squadra non è scesa in campo impaurita o convinta di aver già superato il turno, bensì ha pagato un po' di inesperienza a livello internazionale di qualche giocatore:

"Non eravamo impauriti, venivamo fortunatamente da un risultato importante all'andata e qualche giocatore ha pagato la poca esperienza internazionale. All'intervallo ho detto ai ragazzi che si ripartiva dallo zero a zero, che bisognava dimenticare tutto: i ragazzi hanno fatto bene e se la qualificazione è stata in bilico sino alla fine è perché ci sono stati tanti errori nell'ultimo passaggio. Ero comunque cosciente delle difficoltà che avremmo incontrato, l'Arsenal non era quello dell'andata: avevamo i giocatori contati e tornavamo dopo tanto con le tre punte. E poi, in campo internazionale, quando si ha campo aperto bisogna sfruttarlo e stasera non l'abbiamo mai fatto".

Foto di Arsenal - Milan 3-0

Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0

Foto di Arsenal - Milan 3-0

Foto di Arsenal - Milan 3-0

Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0
Foto di Arsenal - Milan 3-0

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail