Subiscono 59 gol a Barcellona: il sorriso dei bambini romani | Video

Il Barcellona è di un altro pianeta e non solo a livello di prima squadra. Il caso dei giovanissimi calciatori romani sommersi di gol dai pari età catalani mette in evidenza quella che appare come una differenza abissale tra i due modi di fare e insegnare calcio, tra due filosofie, con risultati che continuano ad essere soddisfacenti per il "sistema Barcellona". La storia dei 66 ragazzi della squadra romana del Futbolclub che sono sbarcati per tre giorni (giocando quattro amichevoli) alla "Masia", la scuola calcio blaugrana dove cominciano ad apprendere le nozioni calcistiche del club, è emblematica. Con la serenità tipica dei bambini i piccoli calciatori italiani hanno riconosciuto, sorridendo, la forza degli avversari.

"Quelli sono dei ragazzini straordinari, non solo individualmente, sono fenomeni di squadra. La loro forza è il gioco palla a terra: con tutti quei passaggi dopo un po' ti fanno girare la testa", racconta Marco Caroli, categoria Esordienti, autore dell'unico gol messo a segno dai giovani capitolini. "Spingevano anche sul 30-0 - racconta un altro bambino del Futbolclub - sembravano alieni". 10-0, 11-1, 32-0 e 6-0 i risultati delle quattro amichevoli disputate dai ragazzini italiani contro i piccoli fenomeni del Barcellona.

Un articolo dell'Ansa spiega che l'organizzazione del club è maniacale: all'interno dei cinque piani (per complessivi 6mila metri quadrati) del nuovo centro di formazione, inaugurato lo scorso ottobre e costato al Barça oltre 11 milioni di euro (ma la giunta direttiva investe ogni anno 20 milioni per il settore giovanile, il 4,5% del fatturato globale), risiedono 83 giovani atleti, di cui 58 per il calcio, e i restanti per basket, pallamano e hockey a rotelle.

Nella «Masia» ci si sveglia tassativamente alle 7 del mattino, colazione, dalle 8 alle 13.30 tutti a scuola. L'alimentazione è seguita con occhio di riguardo, riposo, compiti e studio. Gli allenamenti, sugli 11 campi della Ciudad Deportiva (5 in erba, gli altri in sintetico), vanno in scena dalle 19 alle 21, prima di cena. Alle 23 tutti a dormire. Niente alcool, telefonini vietati a tavola, e fino ai 18 anni niente piercing, tatuaggi e capelli tinti.


  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: