Lazio - Bologna 1-3, Reja rassegnato: "Schiero sempre gli stessi giocatori"

edy reja

La Lazio subisce una pesante sconfitta casalinga per mano di un sempre più sorprendente Bologna (3-1 per gli emiliani all'Olimpico), questo a una settimana dal derby vinto contro la Roma. I biancocelesti hanno sicuramente sbagliato l'approccio alla partita nel primo tempo conclusosi con l'espulsione di Matuzalem, nella ripresa il secondo rosso a Gonzalez ha definitivamente spazzato via ogni sogno di rimonta che pure a un certo punto era sembrata possibile grazie anche al clamoroso autogol di Rubin che aveva riaperto i giochi. Purtroppo i capitolini mancano di molti giocatori e per Edy Reja è difficile schierare una formazione sempre al top quando le scelte sono poche, l'allenatore ha sottolineato questo aspetto a fine partita:

"Abbiamo avuto un atteggiamento non particolarmente positivo inizialmente e contro una squadra pericolosa come il Bologna lo paghi. Purtroppo i calciatori che schiero sono sempre gli stessi, e per esempio Ledesma e Gonzalez stanno facendo tutte le partite. Di certo è una Lazio non nelle migliori condizioni".

L'espulsione di Matuzalem sul finire del primo tempo ha reso molto più difficile la rimonta dei padroni di casa, l'autogol bolognese aveva restituito un po' di fiducia ai biancocelesti ma il secondo rosso, questa volta sventolato sotto il naso di Gonzalez per fallo da ultimo uomo, e il successivo gol di Krhin hanno definitivamente scritto la parola fine di questa sfida. Reja non contesta le decisioni dell'arbitro anche se giudica severa soprattutto la prima espulsione, invita però tutti a guardare avanti e ringrazia il pubblico per il supporto dato alla squadra nonostante il risultato negativo:

"Comunque fino all'espulsione di Matuzalem eravamo pienamente in gara, poi il secondo rosso ha chiuso definitivamente la partita. Il rosso a Matuzalem? Non mi sembrava espulsione, poteva ammonire tranquillamente, si è solo svincolato dalla trattenuta di Diamanti. È inutile piangere sul latte versato però, prendiamo atto ed andiamo avanti. Un ringraziamento anche al pubblico che ci ha sostenuto anche in nove".



Il prossimo avversario della Lazio sarà il Catania di Vincenzo Montella, una squadra che ha dimostrato fino a questo momento di potersela giocare contro ogni avversario. Edy Reja ha una settimana di tempo per preparare la partita e sa già che dovrà rinunciare ad altri due elementi della rosa, i due squalificati di stasera, può consolarsi però con le buone prove di alcuni suoi uomini, su tutti Mauri rientrato da poco da un lungo infortunio:

"Ora in questa settimana dovremo pensare a qualche soluzione nuova visto che pensavo di recuperare qualcuno ed invece mi partono due centrocampisti per squalifica. Hernanes, Klose e Mauri trascinatori? Direi proprio di si, abbiamo visto oggi quanto è stato importante il rientro di Mauri in fase offensiva. Gillet ha fatto parate strepitose su di lui".

La Lazio resta al terzo posto in classifica, anche grazie alla contemporanea sconfitta dell'Udinese a Novara, ma adesso deve guardarsi le spalle dal Napoli che si sta rendendo protagonista di una grande risalita in classifica. Centrare la qualificazione alla Champions League non sarà facile, questo Reja lo sa e lo fa presente anche dopo la sconfitta contro gli emiliani, non a caso parla di "mezzo miracolo" quando gli viene chiesto se la sua squadra riuscirà a conservare la terza posizione. Serve una reazione immediata anche perché un altro passo falso a Catania potrebbe risultare fatale per le ambizioni biancocelesti.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: