Corsa contro il tempo per i Rangers di Glasgow a rischio fallimento

Il Rangers Football Club di Glasgow, con 114 titoli all'attivo, è la società più titolata del mondo. E' un primato agevolato dall'inconsistenza del campionato scozzese, tuttavia il torneo è caratterizzato da una delle sfide più affascinanti del calcio mondiale, la Old Firm, il derby sentitissimo con il Celtic Glasgow. Il club è stato fondato nel 1872 ed è uno dei più antichi del mondo. I tifosi dei Rangers sono storicamente vicini alla Corona d'Inghilterra e in maggioranza protestanti (anche se negli ultimi anni le posizioni politico-religiose non sono più così marcate), a differenza dei rivali cittadini del Celtic, club fondato da immigrati cattolici irlandesi.

La rivalità tra le due tifoserie si è arricchita di un nuovo capitolo, in queste settimane, nato dalla reale possibilità di bancarotta per i Rangers. I tifosi del Celtic si sono divertiti inventando un nuovo coro da dedicare velenosamente agli odiati cugini: «Balleremo la conga/ quando i Rangers moriranno» è il testo cantato negli stadi di Scozia dai sostenitori biancoverdi. In questi giorni scade, infatti, il termine per l'accettazione delle offerte di nuovi acquirenti che potrebbero salvare i Rangers.

Il club deve 90 milioni di euro all'erario britannico ed è già stato penalizzato di 10 punti per questo motivo. Il salario medio di 30.000 euro la settimana ha strozzato le finanze della società. I calciatori si son già tagliati lo stipendio dal 25% al 75%, mentre Brian Kennedy, proprietario della squadra inglese di rugby dei Sale Sharks, sarebbe disposto ad acquistare la società. In realtà Kennedy ha confessato «di non voler comprare il club, ma di non poter vedere i Rangers morire». Un controsenso da tifoso romantico, più che una reale offerta da imprenditore.


  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: