Video | La lunga e assurda melina del Torino contro la Juve Stabia

Sabato pomeriggio il pubblico del Romeo Menti di Castellammare di Stabia ha assistito ad uno spettacolo davvero insolito, ad offrirlo è il Torino, o meglio i suoi difensori protagonisti nei primi minuti della partita di una lunghissima quanto stucchevole serie di passaggi orizzontali. La scena è quasi surreale, per oltre un minuto la linea dei quattro continua a mandare il pallone da destra a sinistra, senza provare a imbastire nessuna azione e con quelli della Juve Stabia che assistono quasi imbambolati. Si è detto che la squadra di Ventura, reduce dalla sconfitta casalinga con il Verona, fosse molto intimorita, ma non giocare quando sono passati poco più di cinque minuti dal fischio di inizio è assolutamente privo di senso.

La melina non è piaciuta ai tifosi stabiesi che dalle gradinate hanno manifestato tutto il loro disappunto, ma nemmeno ai sostenitori granata che da una squadra con ambizioni di promozione si aspetterebbero una grande personalità contro ogni avversario. L'insolito episodio è stato duramente condannato dal quotidiano piemontese La Stampa che sulle pagine del suo sito ha così commentato:

"D’accordo: ogni mezzo lecito è buono per abbandonare dopo tre anni la caienna della B. E fare melina a Castellammare per intascare un punticino non sarà un vanto ma neppure è reato. C’è però un limite alla decenza calcistica che il Toro ieri ha oltrepassato. Inspiegabilmente, fino alla scossa causata dal gol della matricola campana, ha rinunciato a giocare. Una quarantina di minuti da arrossire, un’infinita litania di passaggi orizzontali sulla linea dei quattro difensori granata, contrappuntata dai fischi e dai «Vergognatevi» degli allibiti tifosi di casa".

La dura invettiva di Roberto Condio continua e arriva ad attaccare direttamente l'allenatore del Toro Giampiero Ventura e sottolinea come quanto accaduto sia vergognoso anche alla luce del fatto che si giocava in uno stadio intitolato a Romeo Menti, uno degli eroi granata scomparsi nella tragedia di Superga che cancellò il Grande Torino, una delle squadre più forti di sempre a livello internazionale:

"Pratali s’è addirittura fermato, aspettando il pressing dei gialloblù che non arrivava. Non toccava a loro, peraltro subito più volte pericolosi, dare l’impronta alla sfida. Esistono minimi «sindacali» da rispettare per chi guida il campionato, per un allenatore che 8 mesi fa cominciò a lavorare sponsorizzando il suo «calcio libidinoso» fatto di «palloni che frullano»".



Ma lamentele sono arrivate anche dall'allenatore delle Vespe campane, Piero Braglia ha chiaramente fatto capire di essere rimasto stupito dalla volontà di non giocare dell'avversario e si chiede cosa sarebbe successo se dopo il gol di Sau i granata non fosse riusciti a trovare subito il pareggio con Sgrigna:

"Il gioco del Torino? Non voglio parlare dei granata, ognuno gioca come vuole e comunque se si vanno a guardare le gare del Torino quest’anno non è la prima volta che hanno applicato questo gioco. Loro sapevano di giocarsi tanto e non hanno voluto rischiare e noi ci siamo adattati con intelligenza e rischiando poco riuscendo a giocare come volevamo in alcuni frangenti. Sarei stato curisoso però, questo si, di vedere l'atteggiamento dei nostri avversari qualora avessimo chiuso il primo tempo in vantaggio. Grande primo tempo, potevamo anche fare di più ma a calcio si gioca in due".

Tutto questa non sembra però aver turbato Ventura che a fine partita si è detto addirittura soddisfatto della prova dei suoi. L'allenatore ha provato a spiegare il perché di quelle lunghe fasi caratterizzate da sterili passaggi orizzontali e ha risposto al suo collega che, come visto, ha criticato apertamente l'attitudine della capolista del torneo cadetto:

"Dispiace aver fatto melina nella prima frazione. La Juve Stabia però ci ha lasciato davvero pochi spazi ed era difficile costruire gioco. Questa per noi non era una gara facile. Eravamo reduci dal ko col Verona e da una settimana pesante, dove la pressione mediatica si è sentita notevolmente. Era importante tornare a casa con un risultato positivo e contro una Juve Stabia molto determinata ci siamo riusciti. Anche io sono dell'idea cha a calcio si giochi in due. Ripeto, la Juve Stabia si è chiusa molto bene rendendo quasi impossibile l'avvio della manovra".

A voi la parola, guardando il video ognuno può farsi la sua idea. Di sicuro si può escludere l'ipotesi di un risultato aggiustato sotto banco, la melina del Torino è talmente spudorata che una tale ipotesi è assolutamente da scartare. Per chiudere con un po' di umorimo gustatevi questa piccola scena tratta dei Simpson, quello che accade a Springfield è molto simile a quanto abbiamo visto al Menti di Castellammare di Stabia.

  • shares
  • Mail