Sau della Juve Stabia rischia la squalifica per un episodio della scorsa stagione

La Juve Stabia potrebbe perdere il suo bomber anche per molte giornate per una squalifica dovuta a fatti successi lo scorso anno, quando Marco Sau vestiva la maglia del Foggia. La notizia ha del paradossale ma non dovrebbe stupire conoscendo, per esperienze passate, la lentezza biblica della giustizia sportiva in Italia. Ma facciamo un passo indietro e ripercorriamo gli eventi accaduti lo scorso 27 febbraio a Foggia, giorno in cui i rossoneri allora allenati da Zeman ospitava il Gela. A cinque minuti dalla fine, con i siciliani in vantaggio per 2-1, il foggiano Salamon resta a terra per uno scontro di gioco, gli avversari mettono la palla fuori per permettere l'ingresso in campo dei sanitari.

Ma il gioco non si ferma perché i padroni di casa battono immediatamente il fallo laterale e non restituiscono il pallone al Gela, Laribi serve Agodirin sulla destra che entra in area di rigore, conclude a rete, il portiere respinge ma l'accorrente Sau si fionda sul pallone e lo deposita in rete per quello che sarà il definitivo 2-2. Quello che succede dopo ha pochissimo a che vedere con il calcio, in campo si scatena una vera e propria caccia all'uomo con i giocatori siciliani che cercano di aggredire i rossoneri. Lo stesso Sau viene accerchiato, il sardo riesce a schivare alcuni calci e rifila un pugno a Docente che resta a terra. La zuffa si allarga alle panchine con alcuni giocatori e dirigenti anch'essi coinvolti, alla fine per riportare la situazione alla calma è necessario l'intervento delle forze dell'ordine.

Alla ripresa del gioco l'arbitro espelle Candrina del Foggia e D'Anna del Gela e in qualche modo la partita arriva al termine. Il martedì successivo il giudice squalifica i due calciatori rispettivamente per tre e due giornate, gli atti dell'incontro vengono girati poi alla Procura Federale guidata da Palazzi per accertare eventuali altre responsabilità sfuggite all'occhio e ai verbali del direttore di gara. Quegli atti sono rimasti lì fino ad ora, pare però che a giorni Palazzi potrebbe rendere nota la conclusione della sua inchiesta. Sau è tra quelli che più rischiano una sanzione, ovviamente per la Juve Stabia sarebbe un danno enorme visto il peso specifico del sardo nell'economia del gioco delle Vespe di Piero Braglia, danno al quale si aggiunge anche la beffa dal momento che dopo Foggia - Gela i campani erano impegnati proprio in Sicilia e aspettavano con ansia le decisioni del giudice sportivo visto che avrebbero potuto affrontare un avversario fortemente rimaneggiato, come abbiamo visto non andò così.

  • shares
  • Mail