Inter, Forlan ammicca ai tifosi ma il Galatasaray lo cerca: andrà via a giugno?


Diego Forlan e l'Inter, una storia d'amore nata male e che potrebbe finire dopo appena un anno passato tra infortuni, prestazioni opache e, ad oggi, la miseria di due gol in 16 presenze (di cui 14 in campionato). Domenica scorsa, poi, l'uruguaiano si sarebbe rifiutato di entrare in campo durante la partita del Meazza dei nerazzurri contro l'Atalanta, un episodio che il pompiere Claudio Ranieri ha subito fatto rientrare gettando acqua sul fuoco ai microfoni di Mediaset Premium: "Era ancora stanco per la gara di Champions, non è vero che s'è rifiutato di entrare. Gli avevo chiesto un determinato lavoro una volta entrato in campo e non era in grado di svolgerlo".

Nonostate il mister interista abbia dato questa spiegazione all'accaduto, in molti hanno storto il naso e così Forlan si è sentito in dovere di placare definitivamente le polemiche rilasciando una lunga dichiarazione a Inter Channel, in cui ribadisce il rispetto che nutre nei confronti della società e dei tifosi:

"Si possono dire tante cose, ma adesso per me è importante che la gente sappia una cosa e cioè che l'informazione che è stata data da parte della stampa è stata sbagliata. Ripeto, io ho rispetto per i tifosi per l'Inter, per la maglia e non sono venuto qui a fare qualcosa di sbagliato. È vero questo non è un buon momento, ma io voglio fare bene, voglio entrare in campo, segnare tanti gol e aiutare la squadra. Se devo scusarmi, perché qualcuno crede che abbia sbagliato, mi scuso, posso sbagliare anche io, ma oggi voglio dire la verità: ci sono persone cattive che sanno come approfittare di certe situazioni. Noi qui siamo tutti uniti e non c'è nessun problema. Sono consapevole del fatto che fino ad oggi non ho fatto quello che i tifosi si aspettano da me, ma ripeto ho troppo rispetto per tutti per non voler fare il meglio che c'è nelle mie possibilità. Non ho iniziato a giocare oggi, il mio curriculum parla per me e può dire che tipo di persona sono".

L'estate scorsa Massimo Moratti sganciò 5 milioni di euro per accaparrarselo, inconsapevole di non poterlo ammirare in Champions League perché già impiegato nei turni preliminari dall'Atletico Madrid. Una leggerezza, se così si può definire, che non ha aiutato l'uruguaiano a far decollare la sua storia in nerazzurro, storia che come detto potrebbe essere giunta già al capolinea. D'altra parte le pretendenti non mancano nonostante le quasi 33 primavere dell'attaccante: dalla Turchia insistono nell'asserire che il Galatasaray farebbe carte false per portarlo ad Istanbul, del resto ci aveva già provato nello scorso calciomercato estivo. D'altra parte basta un'offerta che sia uguale o superiore ai 5 milioni pagati dall'Inter qualche mese fa: a quel punto chi potrebbe trattenere Forlan a Milano? Forse lui stesso o il futuro allenatore dell'Inter, ma al momento è più probabile che rimarrà una meteora del calcio italiano.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: