Real Madrid, Marcelo è il migliore terzino sinistro del mondo?


Quest'anno José Mourinho spesso lo fa partire dalla panchina, ma quando entra in campo Marcelo risulta quasi sempre decisivo: così è stato anche martedì scorso quando sul campo dell'Apoel Nicosia il laterale brasiliano, subentrato a gara in corso sullo 0-0, ha dato il là per il gol dello 0-1 di Karim Benzema fornendo poi l'assist a Ricardo Kakà per lo 0-2 (il Real Madrid vincerà 0-3 con doppietta di Benzema). L'ennesima bella prestazione del terzino sinistro delle merengues, numero 12 appiccicato sulle spalle e capelli da ridere, ha riportato in auge un dibattito che in Spagna pare essere comune: Marcelo è ad oggi il miglior terzino (sinistro) del mondo? A vedere i numeri, gli attestati di stima e la concorrenza non certo agguerrita, secondo Marca pare proprio di sì.

Partiamo dunque dall'inizio della sua storia in blanco, arrivato nella capitale spagnola dalla Fluminense a soli 18 anni (era il gennaio del 2007) per 6 milioni di euro; il presidente di allora Ramon Calderon così commentò l'acquisizione del giovane giocatore: "Si tratta di un acquisto importante: è giovane e porterà una ventata di freschezza, risultando funzionale al nostro piano di immettere giocatori giovani in rosa. Siamo felici, inoltre, perché è un autentico gioiello conteso da mezza Europa". Insomma a sentire Calderon, già all'epoca la dirigenza madridista era consapevole di aver fatto una spesa azzeccata. Con la camiseta blanca, nel frattempo, Marcelo ha macinato chilometri sulla sinistra totalizzando 199 presenze impreziosiste da 16 gol e 17 assist.

Si tratta di un giocatore molto propositivo e che riesce molto bene nella fase offensiva grazie alla sua tecnica, una buona visione di gioco e tanta velocità, non disdegnando però la fase difensiva. In Spagna si sottolinea come la dote principale di Marcelo sia quella di saper sfruttare a perfezione i piccoli spazi grazie alla rapidità di esecuzione, caratteristiche rivelatesi poi indispensabili anche contro i ciprioti due giorni fa: catenaccio e organizzazione, l'entrata in campo sua e di Kakà ha leso in maniera decisiva la solidità della squadra di Nicosia. Così ci riponiamo la domanda: può considerarsi, attualmente, il terzino (diciamo sinistro) più forte del globo? Le referenze non gli mancano e sono pure prestigiose.

Per esempio Diego Armando Maradona nel febbraio 2011 dichiarò che "esclusi Messi e Cristiano Ronaldo, Marcelo ad oggi è il miglior giocatore della Liga", mentre Paolo Maldini, uno che di fascia sinistra se ne intende, nel commentare le prestazioni di Gareth Bale lo scorso dicembre ("è bravo solo nella fase offensiva") aggiunse: "La regola è che se non ce la fai a tornare, allora non puoi spingerti in avanti. Oggigiorno c'è solo un giocatore capace di fare bene entrambi le fasi, e cioè Marcelo". C'è poi Roberto Carlos, il predecessore di Marcelo sull'out sinistro del Santiago Bernabeu: secondo il brasiliano stanziatosi in Russia da alcuni anni, il connazionale ed erede è senza ombra di dubbi il migliore nel suo ruolo, citando i vari Bale, Evra, Ashley Cole, Jordi Alba, Coentrão, Bastos, Clychy, Kolarov e Criscito, tutti bravi ma non al livello di Marcelo.

Quest'anno, come detto in precedenza, sta trovando un degno concorrente, il suo amico (insieme agli altri madre-lingua portoghese Cristiano Ronaldo e Pepe) Fabio Coentrão: Mourinho spesso li alterna, aumentando la competizione tra i due ma anche i risultati di entrambi. Questa sua duttilità, il non avere cioè il posto assicurato ma la capacità di saper cambiare le partite una volta entrato sul terreno di gioco, è un ulteriore prova che pende a favore di Marcelo, che nonostante i non ancora 24 anni riesce a sopportare un'esclusione spaccando a due le difese avversarie una volta alzatosi dalla panchina. Insomma, cosa ne pensate voi lettori di calcioblog? Chi è ad oggi il più forte terzino sinistro del mondo?

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: