Gervasoni al PM: “Il presidente del Siena pagò due giocatori del Modena”

L’interrogatorio di Gervasoni a Cremona. Fatto il nome di Mezzarona che secondo il pentito avrebbe pagato due atleti del Modena in occasione della gara del febbraio 2011. Su Lecce-Lazio Gervasoni dice che lo ‘Zingaro’ Gegic investì 400mila euro.

di antonio


Carlo Gervasoni, il “pentito” del calcioscommesse, ha tirato in ballo il Siena e il suo presidente durante l’interrogatorio di Cremona: secondo quanto gli ha riferito lo ‘zingaro’ Amir Gegic il presidente del Siena avrebbe pagato due giocatori del Modena in occasione della partita con i toscani del 26 febbraio 2011. Gervasoni racconta di aver appreso la circostanza da un suo amico del Kazakistan. E’ un’accusa che prende forma tramite una terza persona, ma la deposizione ha fatto imbufalire la società toscana con Mezzaroma in persona pronto a difendersi:

“Sono esterrefatto da una tale notizia e nego sdegnosamente qualsiasi tipo di coinvolgimento del club e mio personale. Fino a questo momento avevamo scelto di non commentare i vari passaggi dell’inchiesta per il doveroso rispetto nei confronti degli organi inquirenti, verso i quali nutriamo la massima fiducia, e per non rincorrere il quotidiano chiacchiericcio alimentato da pseudo notizie di fonti difficilmente credibili. Ma di fronte a una falsità di tale portata, che coinvolge direttamente anche la mia persona, non posso esimermi dallo smentire nella maniera più assoluta certe affermazioni”.

Gervasoni ha parlato anche di Lecce-Lazio e di Lazio-Genoa affermando che Gegic investì 400 mila euro per la manipolazione di Lecce-Lazio del maggio 2011. Il calciatore sostiene che giocatori di entrambe le squadre erano coinvolti “due o tre della Lazio e tre o quattro del Lecce“. Numeri a caso, due, tre o quattro, verrebbe da chiedersi? Per Lazio-Genoa Gervasoni tira in ballo Hristiyan Ilievski l’altro “zingaro” che avrebbe mostrato allo stesso Gervasoni una fotografia, scattata con il suo telefono cellulare, che lo ritraeva abbracciato al giocatore della Lazio Stefano Mauri. Uno scatto fotografico con una persona sembra un riscontro inconsistente e a cozzare con la deposizione di Gervasoni c’è la smentita di Ilievski che in un’intervista negò di aver mai incontrato Sculli e Mauri.

L’interrogatorio è andato avanti con il racconto di altri particolari appresi da Gegic. Per Livorno-Grosseto dell’11 giugno del 2009, “fu favorita la vittoria del Livorno dal portiere del Grosseto Ciro Polito“. Su Chievo-Udinese del 15 maggio del 2011, Gervasoni avrebbe “appreso dai Cossato“…

A Roma, intanto, continua l’inchiesta federale sul calcioscommesse condotta dal pool del Procuratore Stefano Palazzi. Dario Dainelli (quest’anno al Chievo) e Omar Milanetto (Padova) sono stati ascoltati sui presunti fatti legati alla partita Lazio-Genoa del 15 maggio scorso, mentre quest’oggi saranno sentiti a riguardo i biancocelesti Stefano Mauri e Cristian Brocchi. Dainelli e Milanetto, secondo i pm, hanno incassato dagli emissari del clan degli ‘zingari’ di Hristiyan Ilievski il pagamento per la presunta combine del match con la Lazio.

Al termine dell’audizione l’avvocato di Dainelli, Marco De Luca, ha confermato la versione che aveva dato Dainelli alla stampa: si trovava in quell’albergo per il suo addio al celibato. “E’ assolutamente estraneo alla vicenda – ha dichiarato De Luca all’uscita dalla Procura -. Non mi risulta neanche che sia stato tirato tanto in ballo. E’ stato sentito soltanto per gli episodi riferiti dalla stampa. Si trovava in quell’albergo soltanto per il suo addio al celibato? Assolutamente sì. Era nell’albergo sbagliato? Non lo so se era lui nell’albergo sbagliato o qualcun altro. Forse sì“.

Subito dopo Dainelli è comparso in Procura federale Milanetto assistito dall’avvocato Mattia Grassani che, al termine del confronto, durato circa due ore e mezza ha affermato che l’incontro è stato “approfondito e di grande collaborazionee che si è svolto in un “clima sereno”. “Credo che la Procura federale sia soddisfatta, come è soddisfatto anche Milanetto” ha concluso poi il legale.

Foto | © TMNews

Ultime notizie su Calcioscommesse

Tutto su Calcioscommesse →